Gay Pride Firenze 2018: tutte le info

Dal 1969 si festeggia il gay pride, movimento di liberazione sessuale. Tutte le le iniziative che si svolgono ogni anno in occasione della “Giornata dell’Orgoglio LGBT“, nei giorni precedenti o successivi alla data del 28 giugno, commemorano la rivolta di Stonewall di New York, data simbolica di inizio del movimento di liberazione omosessuale. Il simbolo del “Pride” è la bandiera arcobaleno, anche nota come Rainbow Flag. Il Gay Pride è un elogio alla libertà di essere ciò che si è, in base alla propria natura, e ovviamente di andarne fieri e di gridarlo al mondo. La scorsa settimana si è tenuto a Roma, oggi vogliamo parlarvi di quello che si terrà a Firenze.

Per maggiori informazioni leggi : Gay Pride: cos’è, quando nasce e chi lo finanzia

Gay Pride Firenze

Firenze: il percorso del Gay Pride 2018

Il Gay Pride, il monimento di liberazione sessuale, commemora la rivolta di Stonewall di New York e la data simbolica è il 28 giugno. In Italia, a partire dal 2013, anno in cui il Pride nazionale fu assegnato a Palermo, si sperimenta una nuova organizzazione delle manifestazioni creando una sinergia tra tutti i Pride del territorio nazionale, chiamata “Onda Pride”. Quest’anno vedrà protagoniste le città di: Brescia, Pavia, Varese, Palermo, Arezzo, Milano, Udine, Cosenza, Reggio Emilia, Siracusa, Bologna, Roma, Rimini, Sassari, Potenza, Catania, Genova, Napoli, Brescia, Latina, Bari, Gallipoli, Torino, Alba. La manifestazione percorrerà queste città nei mesi di giugno e luglio e il 16 giugno, il Toscana Pride, si terrà nella città di Siena, l’evento attraverserà le vie del centro e sarà una grande festa che coinvolgerà tutta la città. Sono attese migliaia di persone provenienti da tutta la regione e da tutta Italia.

Leggi anche: Gay Pride Milano 2018: programma, corteo e orari

Gay Pride 2018 Firenze: gli orari

I Gay Pride sono delle vere e proprie manifestazioni di colori, bandiere ed esseri umani che si amano e non desiderano altro che vedersi riconosciuti dei diritti e, soprattutto, non vogliono avere paura di amare e non vogliono essere additati per un amore che, agli occhi di alcuni, può sembrare diverso. Queste manifestazioni hanno tutto il diritto di esistere e, dall’altra parte, ci deve essere pieno rispetto, non c’è bisogno di strafare o di ostentare. E’ un diritto manifestare, ma nel pieno rispetto del decoro e degli altri esseri umani. Per quanto riguarda gli orari non ci sono ancora notizie certe, ma stando a quanto accaduto a Roma, potrebbe iniziare nel primo pomeriggio e continuare fino a sera.

Se vuoi approfondire leggi: Gay Pride 2018: percorso, corteo e partenza

Gay Pride Firenze 2018: il percorso

Il percorso politico e di sensibilizzazione intrapreso dalle associazioni LGBTQIA+* toscana, unite nel Comitato promotore, quest’anno è composto da: AGEDO Toscana, Arcigay Arezzo “Chimera Arcobaleno”, Arcigay Livorno L.E.D Libertà e Diritti, Arcigay Siena “Movimento Pansessuale”, Azione Gay e Lesbica (Firenze), Collettivo Carro di Buoi, Consultorio Transgenere (Torre del Lago), Famiglie Arcobaleno (Toscana), IREOS Comunità Queer Autogestita (Firenze), LuccAut (Lucca), Pinkriot Arcigay Pisa, Polis Aperta e Rete Genitori rainbow. I lavori sono ancora in corso con l’obiettivo di creare percorsi partecipati e condivisi e che sia una festa adatta e aperta a tutti.

Non sai come vestirti? Non perderti: Gay Pride 2018: come vestirsi?