Guapo di Anna Tatangelo feat. Geolier: uscita

Venerdì 3 luglio 2020 è uscito “Guapo” di Anna Tatangelo e Geolier in radio e sulle piattaforme digitali. Il brano è stato scritto dallo stesso Geolier insieme a Martina May ed è stato prodotto da Dat Boi Dee e mixato da Mixer T. Si tratta di una vera e propria svolta musicale per lady Tata anche grazie a questo featuring con il rapper.

Guapo di Anna Tatangelo feat. Geolier: testo e significato

Guapo di Anna Tatangelo feat. Geolier: significato

La Tatangelo affronta per la prima volta il sound della scena urban, frutto di un percorso iniziato quasi per gioco poco più di un anno fa: una bomba esplosa dall’incontro artistico con Achille Lauro, altro famoso “ragazzo di periferia”, che con lei e Boss Doms ha riarrangiato in versione 2.0 proprio la hit cult che anni prima l’aveva portata sul podio del Festival di Sanremo, facendola diventare noto al pubblico. Da lì la scoperta di una nuova realtà, legata però alle sue radici, che l’ha spinta a testare nuove sonorità e confrontarsi con altri linguaggi e orizzonti.

Guapo di Anna Tatangelo feat. Geolier: testo

Ecco il testo ufficiale di “Guapo” di Anna Tatangelo in collaborazione con Geolier:

M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Dincelle a casa ca nun tuorne
‘O ssaje che a casa mia nun se dorme

Guapo, scusami se non ti richiamo
Mi dici “ti amo” e non è il caso
Non sei a livello, baby, è claro
(Yeh, yeh, yeh, yeh, yeh)
Faccio sulo quatto passe
Cu ‘na tipa china ‘e strass
Traso pure senza pass, yeh
Dint”a capa che te passa?
Allora overo sî pazza, yeh
Mami sî bella ma ‘e vote ‘o ssaje buono c”a capa te schifo
(Brr, brr)
‘O ssaje so’ nato c”a tuta, nun m’aggio maje miso ‘a cammisa
(Brrah)
Pensa a te
Che a me non manca niente di quello che hai
Mi basto da sola e no, non è un cliché
Una come me tu non l’hai vista mai, vista mai

M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Dincelle a casa ca nun tuorne
Dincelle a casa ca nun tuorne
‘O ssaje che a casa mia nun se dorme
‘O ssaje che a casa mia nun se dorme

Yeh, yeh, ehi
A casa tengo tutt”e cose, ma l’unica cosa ca nun tengo è ‘o Wi-Fi
Pecché se sape ca ‘e cose cchiù belle ca putimmo fa’ se fanno offline
Je sto vulanno ncopp”a ‘na Yamaha
Tu staje luanno ‘n atu Yamamay
Scusa si dico: “Metto ‘a capa apposto”
Ma in fondo ‘o sapimmo nun succede maje, yeh
Se pensi di conoscermi, baby, sei fuori strada
Non voglio diamanti, viaggi, né borse di Prada
Se mi incontri in giro e sono sul mio fuoristrada
Tu non mi guardare in faccia figlio di
Yeh, nun me dicere: “Pecché?”, viene cu mme
Te ne fuje da me oppure cu mme
Lievate ‘e tacche ca nun so pe’ te
Vattenne ‘a casa ca nun simmo pe’ te
Sî capitato c”o hijo de puta
Aggiro ‘e penziere c”o ghiaccio e sambuca
Fumma ‘n appoco ca adoppo se vede
Si songo ‘nu scemo oppure ‘nu hijo de puta

M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto, (Brraah)
M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Rincell a casa ca nun tuorn
Rincell a casa ca nun tuorn
Ossaj che a casa mj nun s’ròrme
Ossaj che a casa mj nun s’ròrme