Oggi, mercoledì 16 giugno, alle 8,30 iniziano gli esami di maturità 2021 per migliaia di studenti italiani. Esami ai quali è stato ammesso, secondo i dati riportati sul sito del MIUR, il 96,2% delle studentesse e degli studenti. Per il secondo anno consecutivo si tratterà di una prova anomala “orfana” degli scritti (fatta eccezione per l’elaborato preparato da ogni studente).

E proprio da questo partirà il colloquio, da quella che è molto più che una semplice tesina, il cui argomento è stato assegnato a ciascuno degli studenti dai Consigli di classe sulla base del percorso svolto e delle discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi. Le commissioni saranno presiedute da un Presidente esterno e composte da sei commissari interni.

Leggi: Maturità 2021: come gestire l’ansia da esame

Il messaggio del Ministro Bianchi ai maturandi

Per l’occasione, il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi, ha voluto condividere sui principali canali social un suo sentito messaggio agli studenti che oggi affronteranno una delle prove scolastiche più difficili, gli esami di maturità. Ha dichiarato:

“Anche in quest’anno così difficile siamo arrivati al momento dell’Esame. È un momento importante, perché è un momento di passaggio. È il momento in cui farete l’Esame, ma dovete anche fare un esame a voi stessi, per capire cosa avete imparato, cosa avete fatto, ma anche come vi siete trasformati, come siete cambiati in questi cinque anni”. “Fatelo con tutta l’attenzione che richiede un momento di così grande rilievo nella vita. Ma fatelo anche con la gioia di andare in una nuova fase. Fatelo facendo un sorriso a tutti i vostri compagni, ai vostri insegnanti e pensando che comincia veramente una nuova pagina. Forza ragazze, forza ragazzi!”

Ed a proposito degli esami, il ministro ha anche detto: “Non sarà una maturità di serie B”. L’esame, per il ministro, “ha un senso, se torna a essere un esame di maturità, che vale tutto un percorso di un ragazzo che ha il diritto di essere valutato”. “E’ un esame che chiude un lungo percorso”.

Leggi anche: