Shirley Temple è la protagonista del Doodle di Google di oggi. Alzi la mano chi non abbia mai visto in tv uno dei film interpretati dall’esuberante bambina con la naturale inclinazione a voler rendere la vita della propria famiglia più felice ed il mondo un posto migliore. Ma la conosciamo davvero? Forse non tutti sanno della sua occupazione al termine della carriera nei panni di attrice. Scopriamo questo e tanto altra sulla bambina prodigio.

Leggi: Gianni Rodari: il doodle di oggi celebra il centenario dalla nascita

Shirley Temple: il doodle di Google celebra l'icona di Hollywood

Chi è Shirley Temple

Attrice, cantante e ballerina americana, Shirley Temple è nata il 23 aprile 1928 in California. I suoi tratti distintivi sono noti un po’ a tutti: le sue fossette ed i suoi riccioli d’oro parlano per lei. Tanti i film ed i musical dei quali è stata protagonista. Tra questi, “Stand Up And Cheer” e “Bright Eyes”. La sua carriera ha inizio a 6 anni, età alla quale riceve l’Academy Award, e termina per sua scelta all’età di 22 anni, quando si ritira dalla scena per passare al servizio pubblico a tempo pieno come rappresentante degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite nel 1969. La sua carriera in politica ha incluso il suo grande impegno ambientalista. Muore all’età di 85 anni, il 10 febbraio 2014, nella sua casa in California.

Shirley Temple celebrata dal Doodle di Google

La scelta della data nella quale dedicare tale omaggio all’attrice non coincide né con la sua nascita né con la sua morte. Più semplicemente, è stato proprio in questo giorno che, nel 2015, il Santa Monica History Museum ha inaugurato la mostra “Love, Shirley Temple” – che ha riscosso grande successo con oltre duemila visitatori solo nella prima settimana – con una collezione personale dell’infanzia della donna.

“Al centro di tutto c’era la sua famiglia. Abbiamo avuto la fortuna di conoscerla, il suo amore, il suo coraggio e la sua forza. È ancora profondamente amata e ci manca davvero, e facciamo tesoro dei nostri ricordi di lei”,

ha dichiarato sua nipote Teresa Caltabiano.

Leggi anche: