superman

Superman è uno tra i personaggi più forti del Dc Universe.

Tra i suoi poteri distinguiamo la forza sovrumana, una velocità superiore a quella della luce (inferiore sempre a quella di Flash), il volo e l’invulnerabilità (limitata alla presenza della kryptonite e della magia). Oltre a ciò, c’è da segnalare anche la vista a raggi X e quella calorifica. Ben sappiamo che Clark Kent non riesce a guardare attraverso il piombo, pur potendo surriscaldare tutti i materiali grazie al fascio laser fuoriuscente dagli occhi. In poche parole, Superman è una vera macchina da guerra quasi perfetta! Tutti i suoi poteri sono irreali, frutto di fantasia e questo rende il personaggio affascinante e speciale. Dopotutto nella realtà gli scienziati non restano a guardare e da bravi Lex Luthor stanno sperimentando alcune formule per permettere agli uomini di guardare attraverso le pareti, proprio come accade nei fumetti dei supereroi.

Questo è quanto uscito dal Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston, dove è stato preparato un radar in grado “di filmare persone e oggetti in movimento dietro una parete”. Stupefacente! I ricercatori sono sicuri che il loro marchingegno sarà molto utile alle forze dell’ordine. Sul portale dell’Ansa è apparsa la spiegazione scientifica di questa scoperta rivoluzionaria: “Come i nostri occhi vedono grazie alle onde di luce riflesse dagli oggetti verso la retina, così i radar emettono onde radio che rimbalzano sugli obiettivi, per poi fare ritorno ai ricevitori. Il problema è che le onde non riescono ad attraversare gli oggetti solidi nella quantità necessaria per essere poi catturate e lette dai ricevitori. La nuova tecnologia messa a punto nel Lincoln Laboratory del Mit riesce invece a superare questo limite grazie a uno spiegamento di antenne organizzato su due file e montato sopra un carrello mobile insieme ad alcune apparecchiature informatiche per il calcolo. Impiegando le onde radio di banda S (più corte e simili a quelle della connessione internet wireless), il radar ‘vede’ attraverso muri spessi anche 20 centimetri da una distanza di 18 metri. Grazie a questa ‘super vista’ registra tutti i movimenti in un video alla velocità di 10,8 frame al secondo. Persone e oggetti appaiono però come delle macchie e sono ripresi come se venissero osservati dall’alto.” In futuro questi algoritmi verranno tradotti in immagini più definite e reali, quindi il primo passaggio per essere trasformati in un “Superman” sarà presto completato!

via | Ansa