Lavorare come assistente universitario: quello che dovete sapere

Se la carriera accademica vi affascina e pensate di avere la stoffa per insegnare, dovete rimanere qui con noi e scoprire tutto quello che c’è da sapere su come diventare assistente universitario. Andremo in fondo alla questione, partendo dalle effettive mansioni di un assistente per poi finire con il percorso da seguire per diventarlo e quali sono i requisiti necessari. Per insegnare, ovviamente, sono richieste delle qualità, delle competenze e un determinato percorso di studi; va da sé che insegnare all’università è diverso dall’insegnare nelle scuole primarie, secondarie di primo e di secondo grado. All’università si ha a che fare con studenti adulti, formati a cui trasmettere ulteriori nozioni e informazioni. Ma andiamo a scoprire cosa fa un assistente universitario.

Leggi anche: Come diventare professore universitario

Assistente universitario: cosa fa

Prima di scoprire quale sia l’iter da seguire per lavorare come assistente universitario, è il caso di chiarire cosa faccia nella pratica. Ovviamente precisiamo subito che un assistente non è un insegnante e che quindi non hanno le stesse responsabilità; vediamo nel dettaglio le sue mansioni:

  1. assiste il docente durante le lezioni;
  2. partecipa agli esami analizzando anche lui gli studenti;
  3. può sostituire il docente in aula o nelle ore di ricevimento nel caso in cui il professore dovesse assentarsi.

Possiamo dire che l’assistente è un ricercatore in quanto, qualsiasi laureato volesse intraprendere questa carriera, dovrà ottenere un dottorato o vincere un concorso. Per concludere, scopriamo la parte più importante, ovvero quali sono i requisiti per poter lavorare come aiuto docente.

Lavorare come aiuto docente: come diventare assistente universitario

I requisiti per poter diventare assistente universitario sono, innanzitutto e come per qualsiasi altro lavoro, una forte passione e una propensione per quello che si decide di fare. Nel caso specifico dell’aiuto docente è necessario avere una laurea, aver vinto un concorso o portato a termine un percorso di dottorato. Ciò non toglie che un vostro docente universitario, sentendo la vostra passione per la materia e vedendovi volenterosi e con voglia di lavorare, non possa chiedervi di lavorare per e con lui. Concretamente le vie per diventare assistenti universitari sono:

  1. dottorato di ricerca post-laurea: si tratta di un percorso di 3 anni in cui si approfondisce una materia;
  2. ottenere una borsa di ricerca: questa seconda alternativa è conseguente alla prima, in quanto si ottiene una borsa di ricerca dopo aver conseguito il dottorato di ricerca.

Scopri anche: