Diventare assistente di volo in Italia: cosa sapere

Lavorare con la testa fra le nuvole è sempre stato il vostro sogno? Oggi siamo qui per darvi tutte le informazioni che vi serviranno per diventare assistenti di volo in Italia. Se si arriva al punto in cui si decide cosa si vuol fare nella vita, o quantomeno provarci, è importante conoscere tutto l’iter da seguire. La figura dell’assistente di volo è molto importante in quanto si fa portavoce del comandante di volo che, dalla sua cabina, fornisce le indicazioni su cosa si può o non si può fare. Requisito imprescindibile? Non avere paura di volare!

Lavorare come assistente di volo in Italia: i requisiti

Le compagnie aeree hanno il compito di assumere gli assistenti di volo e, per farlo, adottano la proprio policy e le scelte aziendali. Tuttavia esistono dei requisiti fondamentali a cui si rifanno tutte le compagnie aeree, e sono:

  • sapere parlare bene inglese;
  • Conoscere altre lingue straniere;
  • Avere una determinata età, altezza e formazione;
  • Avere tatto e diplomazia;
  • Sapere lavorare bene sotto pressione o in situazione di stress ed emergenza;
  • Sapere interagire con i passeggeri;
  • Avere doti organizzative, comunicative ed essere empatici;
  • Sapere lavorare in team.
  • Lavorare vicino all’aeroporto e/o avere esperienze pregresse possono costituire dei vantaggi.

Lavorare come assistente di volo in Italia: lo stipendio

Se riuscirete a realizzare il vostro sogno di lavorare con la testa fra le nuvole, verrete assunti e avrete uno stipendio che oscilla tra i 15 mila e 18.500 circa se siete  al primo impiego e che può arrivare fino a 25mila euro circa se avete esperienza. Alcune compagnie, ad esempio, pagano a ore e considerano solo le ore di volo effettuate e non quelle passate a sistemare e preparare i voli (parte integrante del tuo lavoro). In ogni caso, potrete contare su dei benefits come voli scontati, pensione aziendale e assicurazione vita.

Leggi anche: Come diventare hostess o steward