Cosa fare dopo la laurea triennale in scienze politiche? Stai per conseguirla e sei indeciso sul tuo futuro? In realtà, le prospettive e gli sbocchi lavorativi per chi si laurea in scienze politiche sono diversi. Ovvero, puoi proseguire gli studi inscrivendoti ad una laurea magistrale o ad un master, oppure puoi concentrarti sul trovare lavoro. Nell’uno e nell’altro caso, ecco in quali direzioni puoi muoverti.

Che magistrale fare dopo Scienze Politiche?

Molti ritengono la laurea in Scienze politiche inutile. In realtà, si tratta di una facoltà sottovalutata che offre diverse soluzioni a chi vi si laurea. Se la tua intenzione è quella di perseguire una laurea magistrale dopo la triennale in scienze politiche, tale percorso ti offre la possibilità di continuare con lo studio di Scienze politiche, di iscriverti ad economia o di frequentare uno dei master in relazioni internazionali. In quanto alle classi di Laurea Magistrale, nello specifico, puoi valutare Scienze della Politica, Relazioni Internazionali, Scienze per la Cooperazione allo Sviluppo e Studi Europei.

Presso l’Università degli Studi di Genova potresti iscriverti a “Scienze Internazionali e della Cooperazione”; presso l’Università degli Studi di Milano a Relazioni Internazionali o a Politiche Europee ed Internazionali all’Università Cattolica del Sacro Cuore; l’Università degli Studi di Pavia offre “Economia, Politica e Istituzioni Internazionali”.

Cosa fare dopo la laurea triennale in scienze politiche?

Che sbocchi lavorativi ha Scienze Politiche?

I laureati in scienze politiche (sia presso gli atenei fisici che online) possono aspirare a diversi tipi di carriera. Gli sbocchi lavorativi, in questo caso, comprendono la carriera diplomatica e politica. Nel primo caso, si può diventare ambasciatori (previo superamento di relativo concorso statale e a patto che si conoscano almeno tre lingue); si può trovare impiego presso una delle diverse organizzazioni internazionali esistenti o optare per la carriera politica, magari puntando al parlamento europeo. Il consiglio è quello di monitorare costantemente le offerte di lavoro per chi ha una laurea scienze politiche in ambito relazioni internazionali. Oppure, si può puntare a lavorare presso enti pubblici e privati. Chi studia scienze politiche, spesso e volentieri trova lavoro presso la pubblica amministrazione.

A chi non interessi la carriera prettamente politica ma preferisca, ad esempio, la comunicazione e l’informazione, può lasciarsi sedurre dalla possibilità di diventare un giornalista. In questo caso, ovviamente, serve l’iscrizione all’Albo. Questa si ottiene a seguito di master e/o praticantato presso redazioni giornalistiche. Ma il web regala la possibilità di esercitare – non professionalmente – tale ruolo anche senza i due requisiti grazie alla figura del web writer. Infine, si può intraprendere la strada dell’insegnamento – in questo caso bisogna prima abilitarsi – o della consulenza, magari all’interno di aziende e organizzazioni non profit.

Leggi anche: