Lavorare alle Canarie: se stai meditando di trasferirti lì e magari cambiare vita devi prima organizzarti. Già, perché come è facile dedurre, la burocrazia non funziona esattamente come in Italia, anche se è abbastanza simile. Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

Leggi anche: Lavorare all’estero: da dove iniziare la ricerca

Lavorare alle Canarie: documenti necessari

Le Canarie fanno parte dell’Unione Europea. Di conseguenza arrivarci è molto semplice: basta possedere un documento di riconoscimento in corso di validità ed un passaporto. E’ una volta atterrati che, invece, bisogna richiedere i documenti necessari per trovare lavoro. Quelli necessari sono:

  • NIE (Número de Identidad de Extranjero): si tratta di un documento che tutti gli stranieri che intendono relazionarsi economicamente o professionalmente con le Canarie devono richidere. Per farlo, bisogna presentare una apposita domanda all’Ufficio Consolare nel cui territorio si risiede.
  • Empadronamiento: ovvero l’iscrizione al Padrón municipal – anagrafe municipale – dei residenti. Bisogna richiederlo se si intende vivere nelle Canarie per più di 3 mesi. Il suo possesso assicura di poter accedere ad alcuni servizi e benefici, tra i quali l’ottenimento del permesso di soggiorno e di lavoro per i cittadini extracomunitari.
  • Numero de seguridad social: ovvero l’equivalente del numero di previdenza sociale, quello che identifica il cittadino nei suoi rapporti con la previdenza sociale stessa.

Professioni richieste alle Canarie

Tra le professioni più richieste alle Canarie ce ne sono alcune facenti parte a settori lavorativi piuttosto interessanti. Bisogna, però, avere un minimo di dimestichezza con lo spagnolo. Potresti puntare su:

  • Istruttore di surf
  • Bagnino
  • Cuoco
  • Personale delle pulizie
  • Receptionist
  • Animatore
  • Operatore Socio Sanitario (OSS)

Stipendi alle Canarie

Impossibile stilare un elenco esaustivo di tutti gli stipendi che è possibile percepire alle Canarie. Tuttavia, quello medio si aggira sui 1000 euro al mese. Non male facendo un paragone con l’Italia e, soprattutto, considerando la qualità ed il costo della vita. Alle Canarie, infatti, oltre che di un perenne clima mite e di un praticamente inesistente tasso di inquinamento, si gode di una fiscalità più conveniente e di prezzi, in genere, più bassi collegati a servizi soddisfacenti.

Leggi anche: