Tredicesima: cosa sapere sul pagamento

Si avvicina la fine dell’anno e, per i lavoratori, è tempo di tredicesima. Ma cos’è la tredicesima? Si tratta di una mensilità aggiuntiva della retribuzione del lavoratore, uno stipendio in più che arriva in occasione delle festività natalizie. Per essere ancora più chiari sull’argomento, vi vogliamo svelare tutto quello di cui siamo a conoscenza sul pagamento, ovvero quando e come si calcola. Ricordiamo che la tredicesima è prevista in tutti i settori, deve essere erogata a tutti i lavoratori subordinati, a prescindere dalla tipologia contrattuale e dalla natura a tempo determinato o indeterminato dell’accordo stipulato.

Leggi anche: Tredicesima e quattordicesima: differenze e a chi spetta

Tredicesima: quando avviene il pagamento

La tradicesima è la mensilità aggiuntiva della retribuzione del lavoratore, uno stipendio in più che arriva in occasione delle festività natalizie. Generalmente riconosciuta a dicembre, assieme all’ultima busta paga dell’anno. Il datore di lavoro può emettere un cedolino separato, apposta per la tredicesima. Ma può essere anche inserita nel cedolino di dicembre, o del mese in cui viene erogata.

Tredicesima: come si calcola il pagamento

Le regole specifiche per il calcolo della tredicesima mensilità sono stabilite dai contratti collettivi. Ma in linea di massima la tredicesima dipende dalla retribuzione globale di fatto percepita nell’anno di riferimento, quella che tiene conto di tutte le voci fisse indicate nel cedolino. Equivale generalmente a un dodicesimo di questo totale, e viene corrisposta anche se il lavoratore ha lavorato meno di dodici mesi.

Non perderti: