Quello della presenza dei cinghiali a Roma è oramai un dato di fatto. Se non si sono abituati, i cittadini hanno comunque imparato ad avvistarli, di tanto in tanto, tra i cassonetti della spazzatura. Si tratta di una situazione preoccupante per i rischi che comporta, ma è ancora più allarmante se a notarli sono degli studenti. In quanto i malcapitati animali si trovano all’interno del cortile della loro scuola.

Cinghiali nel cortile della scuola: l’allarme

E’ esattamente ciò che è avvenuto nel cortile di un istituto scolastico di Subiaco, in provincia di Roma. Qui, una famigliola di cinghiali stava tranquillamente passeggiando quando alcuni studenti, armati di smartphone, li hanno immortalati. Da lì a far scattare l’allarme il passo è stato breve. Anche perché, nonostante fossero lì con tutta probabilità per cercare cibo, i cinghiali sono animali potenzialmente molto pericolosi, e una scuola non è certo un luogo nel quale possono rimanere senza prendere provvedimenti in merito. Secondo una professoressa dell’istituto non sarebbero entrati dal cancello di ingresso, sempre molto frequentato.

Dopo il dovuto allarme è partita, su iniziativa dei residenti – così come riportato sul quotidiano Il Messaggero – una petizione della quale sono stati messi al corrente il sindaco Domenico Petrini e il dipartimento di igiene della Asl Rm 5 di Guidonia. Nonché le forze dell’ordine, nello specifico la polizia locale e i carabinieri. Preoccupati da questa inquietante presenza, i cittadini chiedono che vengano messi in atto interventi urgenti.

Cinghiali a Roma, perché

Ma vi siete mai chiesti il motivo di una così grande presenza di cinghiali a Roma? Se in via generale il loro numero in Europa è aumentato notevolmente negli ultimi decenni per via del loro alto tasso di riproduzione e la mancanza di grandi predatori, nel Lazio, ed in particolare a Roma e provincia, la loro presenza sarebbe ulteriormente incrementata dall’emergenza rifiuti. Si tratta di una questione annosa che negli ultimi anni è diventata sempre più grave.

L’aumento dei rifiuti e le discariche a cielo aperto hanno fatto sì che tali animali selvatici si siano sempre più avvicinati ai centri abitati in cerca di cibo. Che, date le condizioni, non faticano a trovare vicino ai cassonetti e non solo. Oltre a poter attaccare l’uomo, i cinghiali sono veicolo per numerose malattie pericolose per gli esseri umani come la peste suina, l’epatite E, la tubercolosi, la leptospirosi e la trichinellosi.

Leggi anche: