Nazismo: riassunti per studiare bene

Tra gli argomenti principali dell’ultimo anno di scuola superiore figura il Nazismo, il movimento tedesco che si affermo nel primo dopoguerra in Germania ad opera di Hitler. In questo speciale ti forniremo alcuni punti che ti serviranno da guida per studiare correttamente questo argomento di storia. troverai inoltre appunti e schemi per approfondire alcuni aspetti, così da prepararti al meglio per l’interrogazione e gli Esami di Stato!

Il Nazismo in Germania: l’ascesa di Hitler

Dopo la sconfitta del 1918 la Germania diventa una Repubblica: nel 1919 infatti nasce la repubblica di Weimar, dal nome della città in cui è stata approvata la Costituzione. Il paese versa in uno stato d’instabilità e di crisi economica, con continui colpi di stato da parte di forze politiche che vogliono impadronirsi del potere. La crisi economica è dovuta al fatto che la Germania deve pagare i danni di guerra e, inoltre, con la svalutazione del marco la sua moneta non vale nulla. Nel 1925 viene eletto presidente von Hindenburg, esponente di destra, mentre intanto prende potere il Partito nazionalsocialista di Adolf Hitler. Hitler afferma la superiorità della Germania sulle altre nazioni e critica i trattati di pace della prima guerra mondiale. Considera responsabili della situazione drammatica della Germania i partiti democratici e gli ebrei. I discorsi di Hitler attirano l’attenzione del popolo, impoverito soprattutto dopo la crisi del 1929. In pochissimo tempo il partito nazista diventa il principale del paese, grazie anche alle SA, le squadre d’assalto, e le SS, le squadre di difesa, che uccidono gli avversari.

Per approfondire: Hitler: biografia, carriera politica e dittatura

Il Nazismo al potere

Nel 1933 Hitler diventa cancelliere e nel 1934, dopo la morte di Hindenburg diventa presidente. Diventato capo della Germania inizia ad attuare il suo programma:

  • rafforza l’esercito con lo scopo di rendere potente la Germania e conquistare i territori abitati dai tedeschi, come l’Austria, la Cecoslovacchia e parte della Polonia;
  • rinforza l’industria pesante per fabbricare le armi;
  • elimina qualsiasi forma di democrazia, l’unico partito ammesso è quello nazista;

Hitler diventa così il Fuhrer, la guida della Germania, e instaura la dittatura, proclamando il Terzo Reich (terzo impero) con capitale Berlino.

Leggi anche: Hitler e la nascita del Nazismo

La persecuzione degli ebrei

Nel 1935 vengono approvate le leggi di Norimberga, con le quali viene ufficializzata la persecuzione degli ebrei. La popolazione ebraica è spogliata dei suoi averi e costretta ad emigrare. Chi rimane subisce una forte persecuzione fino ad essere imprigionato nei campi di concentramento.

Leggi anche: Perché Hitler odiava gli ebrei?