Una scuola in cui non si può mettere in pagella un voto inferiore al 5? Accade al Viscontino di Roma, istituto che comprende elementari e medie del centro storico della capitale.

La richiesta sarebbe arrivata dalla Preside con una circolare, scatenando un collegio dei docenti molto movimentato. La proposta riguarda gli alunni del primo anno di medie.

“In prossimità della chiusura del primo quadrimestre, si ricorda a tutti gli insegnanti della scuola secondaria che è stato unanimemente condiviso un criterio di valutazione in base al quale non si può attribuire il voto corrispondente a 4/10 (o inferiore a questo) agli alunni delle classi prime. Le valutazioni insufficienti a chiusura del primo quadrimestre, per gli alunni delle classi prime, corrispondono unicamente al voto 5/10“, si legge nella circolare.

“La scelta è un po’ strana, per legge i voti vanno dall’1 al 10, ma comprendo che non è mai cosa semplice ricevere una brutta valutazione. Gli studenti devono capire che il voto non è un giudizio sulla loro persona”, ha commentato Bussetti.