E’ un classico di ogni estate che si rispetti “ridursi all’ultimo” in fatto di compiti per le vacanze: ma come fare se l’inizio della scuola è imminente e la lista dei compiti da fare ancora lunga? Niente paura. Partite dal preupposto che non siete soli: eh già, siete sicuramente in buona compagnia, magra consolazione per chi, alla vigilia del ritorno sui banchi si trova con almeno un centinaio di pagine da leggere e con almeno la metà di equazioni e formule chimiche da risolvere. Ma andiamo con ordine.

Come organizzare i compiti per le vacanze

Anche se il tempo a disposizione scarseggia, la parola d’ordine resta sempre e comunque organizzazione (non vi sembra di sentir parlare i vostri prof, in questo momento?). Ed allora, un bel respiro e procedete con un dettagliato recap di ciò che vi resta.

Iniziate col dividere le materie e capire quanti e quali compiti vi rimangono per ognuna di esse. Quindi effettuate una valutazione di quanti giorni/ore avrete a disposizione e dividete il carico in maniera equa per materia e giorno, ma senza sovraccaricarvi (finireste con l’entrare nel panico e demordere). Il consiglio è quello di iniziare con le materie i cui compiti sono di più in modo da accorciare il lavoro. Un buon incentivo consiste nel fissarsi dei termini entro i quali terminare un determinato argomento o un dato numero di pagine.

Non solo: riservate le materie più pesanti o quelle nelle quali avete maggiori difficoltà alle prime ore del mattino, quando la mente è libera, sgombra e predisposta a lavorare meglio. Ovviamente, e non sono frasi fatte, fate una buona colazione prima di mettervi a studiare: il cervello ha bisogno di energie per produrre al meglio. Se le pagine da studiare sono veramente troppe, cercate dei riassunti in modo da avere alla fine comunque una panoramica generale dell’argomento (che approfondirete in seguito, magari, quando sarete già a buon punto).

Ah, dimenticavamo: via il cellulare e qualsiasi altra fonte di disturbo dalla stanza, vedrete che funziona!

Leggi anche: