Gregor Mendel: biografia 

Oggi ci occupiamo di scienza e lo facciamo parlandovi di Gregor Mendel, biologo, matematico e frate agostiniano che è stato considerato il precursore della moderna genetica nel mondo scientifico per i suoi studi e sulle sue scoperte sui caratteri ereditari. Nasce il 22 luglio del 1822 a Heinzendorf, l’attuale Hynčice, Repubblica Ceca, nell’impero austriaco, al confine tra la Moravia e la Slesia. Apparteneva ad una famiglia profondamente cristiana e questo, probabilmente, ha influenzatoo le sue scelte di vita e anche quelle delle sorelle. Nel 1843 Mendel fece ingresso nell’Abbazia di San Tommaso a Brno, dove finalmente potè dedicarsi allo studio delle sue discipline preferite, matematica, botanica, meteorologia e, raggiunta una maggiore libertà economica, riuscì a laurearsi in biologia e in matematica.

Gregor Mendel: le sue teorie

Il contributo di Mendel è stato molto importante in quanto ha applicato per la prima volta lo strumento matematico, in particolare la statistica e il calcolo delle probabilità, allo studio dell’ereditarietà biologica. I suoi esperimenti e le sue teorie partono da due varietà di piante di pisello completamente diverse, appartenenti alle cosiddette linee pure, quelle in cui l’aspetto è rimasto costante dopo numerose generazioni, una con buccia liscia e una con buccia rugosa, e iniziò ad incrociarle per caratteri specularmente diversi: ad esempio, una pianta a fiori rossi con una pianta a fiori bianchi. Al termine dei suoi esperimenti arrivò, con l’utilizzo della generazione filiale F1 ed F2, a stabilire che:

  1. L’esistenza dei geni (detti da lui caratteri determinanti ereditari);
  2. I fenotipi alternativi presenti nella F2 sono definiti da forme diverse dello stesso gene: tali forme sono chiamate alleli;
  3. Per dare origine alla periodicità della F2, ogni tipo di gene deve essere presente, nelle piante di pisello adulte, con due coppie per cellula, che si segregano al momento della produzione dei gameti.

Gregor Mendel: le sue scoperte

Tramite i suoi studi, le sue ricerche e le sue scoperte è arrivato anche a creare delle leggi:

  1. Legge della dominanza: gli individui nati dall’incrocio tra due individui omozigoti che differiscono per una coppia allelica avranno il fenotipo dato dall’allele dominante. Con significato più ampio rispetto al lavoro di Mendel, può essere enunciata come legge dell’uniformità degli ibridi di prima generazione;
  2. Legge della segregazione: durante la generazione della prole, gli alleli associati a uno stesso gene si separano tra di loro, facendo sì che ad ognuno dei due gameti giunga solo uno degli alleli stessi.
  3. Legge dell’assortimento indipendente: durante la formazione dei gameti, geni diversi si distribuiscono l’uno indipendentemente dall’altro.

Leggi anche: Alessandro Volta: biografia, l’invenzione della pila e le altre idee