Test Psicologia 2018: dritte su cosa studiare e come prepararsi

La Facoltà di Psicologia non è ad accesso programmato nazionale ma a numero chiuso locale: le selezioni avvengono quindi attraverso test d’ingresso disciplinati interamente dai singoli atenei. Il Test di Psicologia cambia dunque da università ad università per cui, in base alla sede scelta, troverete prove diverse che si svolgeranno in date differenti. In generale, possiamo dire che i test si svolgono da marzo a settembre e che nella maggior parte dei casi le domande riguardano Logica, Cultura Generale, Biologia, Matematica e spesso anche Inglese. Per avere informazioni precise dovete dunque leggere attentamente il bando dell’ateneo presso cui svolgerete la prova di selezione, in modo da capire nel dettaglio come iscrivervi, quando e come si svolgerà il test e soprattutto come e quando verranno pubblicati risultati e graduatorie. Noi ovviamente vogliamo darvi una mano e in questo articolo vi daremo qualche piccolo consiglio su come prepararvi: un bel respiro e forza con lo studio!

Test Ingresso Psicologia 2018: cosa studiare

Come vi abbiamo già accennato, i test cambiano da università ad università, per cui ci potrebbero essere notevoli differenze tra gli atenei in cui si svolgerà il Test di Psicologia. In generale però, le domande verteranno su:

  • Ragionamento Logico: in questo caso non c’è un programma di studio, ma occorre comprendere il meccanismo di risposta e allenarsi.
  • Cultura Generale: anche in questo caso non c’è un programma di studio ben preciso, ma bisogna affidarsi alle proprie conoscenze scolastiche o personali e magari aggiornarsi su politica e fatti di attualità.
  • Biologia: tra gli argomenti di biologia da studiare in genere ci sono la chimica dei viventi, i bioelementi, le molecole organiche, gli enzimi, la cellula, i cromosomi, i tessuti animali, la bioenergetica, la riproduzione, la genetica, le teorie evolutive, l’anatomia e fisiologia degli animali e dell’uomo.
  • Matematica: gli argomenti riguardano in genere le funzioni, l’algebra classica, statistica, insiemi numerici.

Presso alcune università, infine, ci saranno anche quesiti volti ad attestare le capacità di comprensione della lingua inglese.

Test Psicologia 2018: come prepararsi

Vi abbiamo dato in generale alcune informazioni riguardanti gli argomenti da studiare, ma ricordate di leggere attentamente il bando dell’università, in cui di certo troverete informazioni specifiche. In ogni caso, per prepararvi al meglio dovete innanzitutto ripassare bene gli argomenti indicati nel bando e subito testare la vostra preparazione con quiz a risposta multipla. Inoltre, allenatevi un po’ al giorno con quesiti di ragionamento logico verbale e numerico e provate anche ad esercitarvi con domande di cultura generale. Infine, cercate le simulazioni che vi interessano e provate a svolgerle, così da capire se avete ancora difficoltà o lacune su determinati argomenti.

Ecco le risorse che potrebbero esserti d’aiuto: