Fare l’avvocato: quale liceo scegliere

Ti devi iscrivere al liceo e non sai ancora quale scegliere, tuttavia la certezza è una sola: da grande vuoi fare l’avvocato. Il percorso dal punto di vista universitario e post lauream è ben chiaro, tuttavia ancora non sai cosa fare per la carriera da liceale: cinque anni davvero importanti in cui mettere le basi per il futuro. Vogliamo ricordare che non c’è un liceo specifico per svolgere il ruolo di avvocato, tuttavia abbiamo dei consigli da darvi sulla scelta da fare!

Quale liceo scegliere per fare l'avvocato

Il liceo migliore per fare l’avvocato

Se vuoi diventare avvocato, ma non sai che liceo frequentare sappi che generalmente la decisione cade sul liceo classico o scientifico, visto che c’è il vantaggio di acquisire un buon metodo di studio che sarà utile anche al momento di mettersi sui libri all’università. Allo scientifico con le formule e al classico con le versioni, si impara a tenere allenata la memoria, attività fondamentale per chi vuole diventare avvocato e dovrà imparare a memoria gli articoli della legge ed inoltre delle parole specifiche che sono tipiche di questa materia. Un’altra buona opzione è quella del liceo di Scienze umane ad indirizzo economico-sociale, visto che c’è la possibilità di approfondire insegnamenti quali il diritto e l’economia che poi saranno fondamentali nel percorso universitario. Ma per l’appunto, come funziona una volta ottenuto il diploma?

Fare l’avvocato: cosa studiare all’università

Per fare l’avvocato è necessario iscriversi alla facoltà di Scienze Giuridiche o Giurisprudenza ed in entrambi in casi per svolgere la professione bisogna fare un esame e successivamente iscriversi all’Albo. Nel primo caso si tratta di una laurea di tipo triennale per questo motivo ci si potrà iscrivere solo all’Albo di tipo B (Avvocato Junior), mentre nel secondo caso si tratta di una laurea a ciclo unico ed è possibile iscriversi all’Alto di tipo A. Ricordiamo che prima dell’esame di Stato bisogna trovare uno studio legale presso cui svolgere il praticantato forense (non retribuito) per la durata totale di 18 mesi. In alternativa si possono fare 6 mesi di tirocinio nel corso dell’ultimo anno di laurea, oppure 6 mesi di praticantato in uno studio legale in un altro Paese dell’Unione Europea, oppure un anno di Scuola di Specializzazione, oppure un anno presso L’Avvocatura dello Stato, presso l’Avvocatura Distrettuale dei Comuni o altri enti pubblici, o presso gli uffici giudiziari.

Potrebbe interessarti anche: