Annullamento viaggi: cosa fare?

In questo stato di emergenza Coronavirus in cui si trova tutta l’Italia sono stati limitati i viaggi e gli spostamenti negli altri Paesi, nelle altre regioni e anche nelle stesse città, eccetto per chi deve lavorare. Senza una valida ragione, è richiesto e necessario restare a casa, per il bene di tutti. In questo caso tutti i viaggi sono rimborsati dalle stesse compagnie. Questa volta però vogliamo parlarvi di come fare per annullare un viaggio se siamo noi che non possiamo più partire. Non in stato di emergenza, come sta accadendo ora, ma quando tutto sarà tornato alla normalità.

Leggi anche:

Annullamento viaggi: cosa fare se non puoi più partire

Annullamento viaggi: avete l’assicurazione?

Il consiglio è quello di fare un’assicurazione sul viaggio, se non siete sicuri di poter partire davvero. Ogni assicurazione deve avere:

  1. L’assistenza 24 ore su 24
  2. il rimborso delle spese mediche
  3.  il rimborso nel caso di smarrimento dei bagagli o furti
  4. il rimborso delle spese voli e viaggi
  5. responsabilità civile per danni a persone, oggetti o animali
  6. l’assistenza ai parenti che viaggiano con voi
  7. l’annullamento del viaggio
  8. assistenza sanitaria inclusa

Informati su: Migliore assicurazione di viaggio: costi e coperture

Annullamento viaggi: senza assicurazione

Non avete l’assicurazione e dovete rinunciare al viaggio per impegni improvvisi come malattia o un lutto in famiglia? Potete farlo se avete prenotato tutto attraverso agenzia di viaggi e solo in questi casi:

  • il motivo è imprevedibile 
  • il motivo non dipende da causa relativa al viaggiatore (come per esempio un incidente dello stesso viaggiatore che così è impossibilitato a partire)

Se invece avete prenotato treno o aereo da soli dovete leggere le condizioni dell’acquisto: in alcuni casi i biglietti dei treni Italo e Trenitalia sono rimborsabili, mentre in altri casi assolutamente no.