Castello di Praga: storia

Chi conosce Kafka allora conoscerà sicuramente il Castello di Praga (riferito ad una della sue opere incompiute intitolata, appunto, Il Castello) e in questo incarnerà tutti i racconti inquietanti dell’autore che hanno come protagonista appunto il Castello. Meraviglioso e maestoso, emblema di ricchezza e potere, troneggia sulla città in modo minaccioso. L’edificio ha subito imponenti restauri nel corso degli anni: attualmente è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica Ceca; all’interno del complesso si trovano, fra gli altri edifici, la Cattedrale di San Vito, il Convento di San Giorgio, la basilica di San Giorgio, il Palazzo Reale, il Vicolo d’Oro, la Pinacoteca del Castello di Praga, la torre Daliborka e il Belvedere.

Leggi anche:

Castello di Praga: storia, orari e biglietti

Castello di Praga: orari

La visita al Castello di Praga richiede almeno un giorno e le sorprese iniziano già dall’ingresso principale decorato con le statue gigantesche che rappresentano la Gigantomachia. Superato l’ingresso si entra nella Seconda Corte attraverso la splendida porta barocca di Mattia. La parte più interessante è la Galleria Rodolfina che ospita la collezione dell’imperatore Rodolfo II: all’interno ci sono alcuni capolavori di Tiziano, Tintoretto, Rubens e del Veronese insieme ad alcuni capolavori del barocco boemo. Attraverso il passaggio ad archi si entra nella Terza Corte e ci si trova davanti la sagoma imponente della Cattedrale di San Vito, la più importante chiesa di Praga, soprattutto dal punto di vista architettonico.

  • Da novembre a marzo: tutti i giorni, dalle ore 6.00 alle 23.00 (per i monumenti dalle ore 9.00 alle 16.00)
  • Da aprile ad ottobre: tutti i giorni, dalle ore 5.00 alle 24.00 (per i monumenti dalle ore 9.00 alle 18.00)

Castello di Praga: biglietti

  • Adulti: 250 o 350CZK (a seconda della durata del tour)
  • Minori di 16 e maggiori di 65 anni e studenti (fino a 26 anni): 125 o 175CZK
  • Con Prague Card: ingresso gratuito