Everglades di Miami: il parco nazionale della Florida

Se siete spiriti avventurosi e state organizzando un viaggio negli Stati Uniti, non potrete perdervi il lussureggiante Parco nazionale delle Everglades. Si tratta di un’area naturale che protegge la parte meridionale delle Everglades, ovvero quella ecoregione paludosa subtropicale situata nello stato della Florida. Il parco copre più di seimila chilometri quadrati ed è considerato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO per la varietà di flora e di fauna presente sul suo territorio. Il terreno è molto fertile ed è soggetto a frequenti inondazioni ma gradualmente l’acqua viene rimpiazzata dal terreno garantendo lo sviluppo di una vegetazione rigogliosa in ogni periodo dell’anno.

Leggi anche:

Everglades di Miami: come arrivare

Si può raggiungere il parco nazionale delle Everglades sia dalla costa orientale che da quella occidentale dello stato della Florida:

  • dalla costa orientale: partendo ad esempio da Miami si percorre la State Road 9336 e si arriva all’ingresso principale del parco l’Ernest Coe Visitor Center, il costo di ingresso è di 10 dollari ad automobile ed è valido per sette giorni;
  • dalla costa occidentale: partendo ad esempio da Naples si percorre la US 41 per 35 miglia e si arriva a Everglades City presso il Gulf Coast Visitor Center, l’ingresso al parco da questo lato è gratuito ma da quel punto si può proseguire solo in barca o in canoa.

Everglades di Miami: cosa fare

È possibile seguire diversi tour per esplorare il Parco nazionale delle Everglades partendo dalle principali mete turistiche della Florida. I migliori percorsi da intraprendere nell’area naturale sono i seguenti:

  • Anhinga Trail: si tratta di un percorso immerso nella natura più silenziosa dove è possibile ammirare non solo l’aninga, ovvero il raro uccello americano di colore nero con un lungo collo snodabile, ma anche alligatori, coccodrilli e lontre di fiume;
  • Gumbo Limbo Trail: è un sentiero all’interno del parco pieno di animali esotici;
  • Eco Pond: si tratta di un’area dove vivono aninghe, fenicotteri, cicogne americane, cormorani dalla doppia cresta, ibis, arami, gru e rapaci.