Cézanne è un pittore francese post-impressionista, il quale ha aderito al movimento impressionista, ma ne è rimasto sempre distaccato. Cézanne cerca di sintetizzare qualsiasi cosa solo con l’utilizzo del colore, racchiudendo in questo la visione ottica e la coscienza delle cose.
Partendo dalla semplificazione delle forme di Cézanne e dall'osservazione dell'espressività delle maschere africane, alcuni artisti iniziarono ad operare una scomposizione della figuratività e questi artisti giungono alla scomposizione dell'oggetto, abbandonando completamente la visione prospettica e naturalistica.
Con il cubismo, quindi, si perde completamente il concetto di visione ottica, per ricercare solo quella rappresentazione che ha la coscienza delle cose. Il cubismo quindi, a differenza della pittura di Cézanne, rompe definitivamente con il naturalismo e la rappresentazione mimetica della realtà per introdurre sempre più l’arte nei territori dell’astrazione e del non figurativo.