LEGGI FASCISTISSIME DEL 1926

Le leggi fascistissime furono emanate tra il 1925 e il 1926 e decretarono l’ascesa al potere del fascismo in Italia.
Ecco l’elenco delle leggi che indicarono il passaggio a uno Stato Totalitario nel nostro Paese:

  1. il Parlamento era un semplice strumento di rappresentanza nelle mani del capo dello Stato, sul cui operato nessuno poteva vigilare;
  2. il potere esecutivo si concentrò nelle mani del Presidente del Consiglio, mentre la figura del Re diventava puramente formale;
  3. furono soppressi i giornali che non avevano  un responsabile riconosciuto dallo Stato, e comunque tutta la stampa fu sottoposta a controllo, e non poteva avere contenuti anti-nazionalistici e/odi critica verso il governo;
  4. lo sciopero fu proibito e si stabilì che solo i sindacati fascisti potevano stipulare contratti collettivi;
  5. il partito fascista era l’unico ammesso; tutti gli altri furono sciolti;
  6. le leggi fastiscissime decretavano il confino di polizia per tutti gli antifascisti, istituirono l’OVRA ossia la polizia segreta, e un tribunale speciale per la sicurezza dello Stato, che aveva il compito di vigilare sui reati contro la sicurezza dello Stato.

Approfondisci i Regimi Totalitari nazisti e fascisti con i nostri riassunti:

Traduzione