Vichinghi: riassunto di origini

Il significato del termine vichinghi deriverebbe dalla parola vik, baia o insenatura, a testimoniare la natura marinara di questo popolo. I vichinghi infatti, si distinsero per essere abili navigatori, le loro navi  i drakkar erano velocissime, furono anche saccheggiatori di monasteri ed in seguito commercianti. Un’altra ipotesi, il nome deriva dalla parola vikja, che significava allontanarsi e muoversi, perchè i vivhinghi erano soliti abbandonare le proprie terre e spingersi verso le coste di altre nazioni a fare razzie e conquiste. L’origine di questo popolo è da ricercarsi  tra Scandinavia e Danimarca, ma più o meno tra l’800 d.C. ed il 1100, i vichinghi lasciarono le proprie terre,  in cerca di fortuna.

Vichinghi: storia e conquista

vichinghi erano marinai e guerrieri agili e veloci, potevano essere Danesi, Norvegesi, o talvolta addirittura Lapponi, erano estranei alla cultura “civilizzata” dei popoli germanici romanizzati e cristianizzati. Il primo attacco descritto dalla cronaca risale al 793, quando i vichinghi attaccarpùono Lindisfarne, un’isola sacra situata sulla costa del Northumberland, nell’Inghilterra nordorientale, che ospitava un monastero importantissimo. Fu l’ingresso dei vichinghi nella storia Europea. I vichinghi depredarono da allora molti monasteri in Inghilterra e in Irlanda, ma non si accontentarono dei saccheggi, verso la metà del IX secolo, i vichinghi norvegesi iniziano ad insediarsi in Irlanda, Scozia ed Inghilterra, fondando città come DublinoWaterford e Limerick, sulla costa irlandese. A partire dall’865, i danesi, con una vera e propria armata, nota come la Grande armata danese, tentano di conquistare e colonizzare l’intera Inghilterra. Iniziarono una serie di saccheggi che si spinsero alla Francia, alla Spagna e all’Italia, fino ad arrivare all’Europa dell’est. Questi vichinghi, noti come Normanni, riuscirono ad ottenere in cambio di protezione, dal re dei Franchi occidentali Carlo il Semplice una concessione di terra nel 911, per la prima volta nella storia, si trattava di un pezzo dellla Neustria, per l’esattezza la città di Rouen, in Francia. I territori sotto il controllo del re vichingo Rollone, presero il nome di Normandia, che conserva ancora oggi. Dopo l’anno Mille, alcuni di questi Normanni appartenenti alla famiglia di Altavilla sarebbero arrivati in Italia meridionale, conquistando terre a Capua e a Melfi. Infine, nel 1130, Ruggero II, sarà incoronato re di Sicilia, riunendo l’Italia meridionale normanna sotto un’unica corona. I vichinghi inoltre, si spinsero alla conquista dell’Islanda, allora disabitata, fondando la legendaria città di Vinland descritta dalle saghe. La cultura dei vichinghi, venne assorbita da quella europea e cristiana, sopravvivendo nelle saghe islandesi, oltre che nei toponimi di molti luoghi d’Europa.

Leggi anche: