Borse di collaborazione Università: quello che dovete sapere

Sapete che le Università danno la possibilità agli studenti iscritti nei vari atenei di lavorare mentre portano avanti il loro percorso di studi? Il lavoro viene offerto tramite le borse di collaborazione che vengono stabilite autonomamente dalle singole Università e a cui si può partecipare seguendo le procedure, i requisiti e le richieste segnalati dai bandi di concorso. Le borse di studio prevedono requisiti legati al reddito, al merito e la conoscenza di particolari capacità tecniche che possono variare da ateneo ad ateneo. Se l’argomento vi interessa rimanete con noi, scopriamo meglio cosa sono queste borse e come funzionano.

Leggi anche: Borse di studio: come cercarle in anticipo

Borse di collaborazione Università: cosa sono

Per andare nello specifico e chiarire meglio di cosa si tratta, vogliamo dirvi che si tratta di borse che hanno l’obiettivo di finanziare forme di collaborazione degli studenti iscritti di norma ad anni successivi al primo. Gli studenti selezionati collaborano al funzionamento di alcune attività di servizio presso strutture dell’Università quali biblioteche, musei, laboratori, strutture sportive, strutture didattiche integrate, come ad esempio le aule multimediali, sale di lettura, e ancora centri di accoglienza, orientamento, informazione, servizi di supporto in favore degli studenti disabili, attività di promozione dell’offerta formativa dell’Università e degli eventi legati all’orientamento. Esiste un monte ore da rispettare, il numero di ore di collaborazione richieste ad ogni studente è pari a 150 e con un impegno orario non inferiore a 2 ore e non superiore, di norma, a 4 ore giornaliere. L’importo della borsa di collaborazione è alò’incirca pari a 1.095,00 euro e può variare da ateneo ad ateneo.

Borse di collaborazione Università: come funzionano

Per poter richiedere la borsa di collaborazione, e quindi sperare che venga assegnata, è prevista una procedura che prevede l’apertura, circa 60 giorni prima dell’inizio dell’anno accademico, delle iscrizioni alla lista degli studenti disponibili. Tale iscrizione alle borse di collaborazione sarà valida fino alla fine dell’anno accademico in corso e fino al raggiungimento del numero massimo di collaborazioni previste dall’ateneo di riferimento. I singoli atenei e dipartimenti hanno la possibilità di prevedere dei colloqui finali per l’assegnazione delle borse. Le differenti modalità vengono di norma rese disponibili sui siti dei vari atenei alla voce borse di studio, 150 ore, borse di collaborazione o collaborazioni studentesche. Se siete interessati, collegatevi sul portale del vostro ateneo e avrete le risposte a tutte le vostre domande.

Non perderti: Borse di studio Università 2019: bandi e scadenze