L'apparato respiratorio

L a respirazione è il processo mediante il quale l’organismo assume ossigeno ed espelle anidride
carbonica; l’ossigeno verrà utilizzato nei processi cellulari di ossidazione.

L’ossidazione comporta liberazione di energia, messa in serbo nelle molecole di ATP (adenosina
trifosfato),e produzione di molecole CO2 e H2O. L’apparato respiratorio nell’uomo effettua questi
scambi ed è coadiuvato dal sangue, contenente ioni Fe (nei globuli rossi), che aumenta l’efficienza
respiratoria.

L'apparato respiratorio è costituito dalle vie aeree:

• NASO
• FARINGE
• LARINGE
• TRACHEA
• GROSSI BRONCHI
• DUE POLMONI SACCIFORMI, situati nella gabbia toracica

Come avviene la respirazione

Le cavità nasali dell'apparato respiratorio sono divise dal setto nasale, cartilagineo anteriormente, e comunicano
posteriormente con la faringe attraverso due aperture o coane; la superficie delle cavità nasali è
rivestita da epitelio cilindrico con ciglia vibratili, che filtrano le particelle immesse con l’aria.

L’aria che entra nelle cavità nasali viene riscaldata, umidificata, pulita; essa imbocca la faringe, poi
la laringe.

La parte superiore della laringe ha la forma di un imbuto e presenta anteriormente
l’epiglottide, che con la deglutizione si abbassa e ne ostruisce l’orificio superiore. La porzione
media della laringe costituisce anche l’organo della fonazione.

Dalla laringe l’aria passa nella trachea, un tubo cartilagineo che a livello della quarta vertebra toracica si biforca nei due grossi bronchi. I grossi bronchi (quello di destra è più largo e più corto del sinistro) hanno la struttura della trachea, si dirigono verso il basso, divergono,entrano ciascuno in un polmone, ove mano a mano si ramificano.

La cartilagine si assottiglia, fino a scomparire nei bronchioli. Gli alveoli sono costituiti solo da tessuto epiteliale. I polmoni sono organi elastici, dalla consistenza molle e a forma di semiconi. Sono rivestiti dalle pleure, costituiti da due foglietti.

Ciascun polmone si divide in “zone” che costituiscono le unità morfologiche e funzionali. Gli alveoli polmonari sono irrorati dai capillari sanguigni, ultime diramazioni dell’arteria polmonare e gli scambi gassosi avvengono fra le cellule delle pareti dei capillari e quelle degli alveoli; l’ossigeno diffonde dagli alveoli polmonari nel sangue secondo un gradiente di pressione; il passaggio opposto si verifica per l’anidride carbonica.

L’ossigeno si combina con il ferro dell’emoglobina in un composto, l’ossiemoglobina,che lo trasporta e lo cede a livello tissutale. La diffusione dei gas viene facilitata dalla dilatazione e dal rilassamento dei polmoni che corrispondono alle fasi dell’inspirazione ed espirazione.

Nell'apparato respiratorio, la meccanica respiratoria è regolata dal centro respiratorio, situato nel midollo allungato e da cellule chemiorecettrici situate nell’aorta e nelle arterie carotidee. Le cellule chemio recettrici segnalano ai neuroni del centro respiratorio le diminuzioni delle concentrazioni di ossigeno nel sangue provocando una variazione della frequenza respiratoria.