D’altronde o daltronde: cosa c’è da sapere

Anche tu non vai d’accordo con la grammatica? La odi fin dai tempi delle scuole elementari? E anche tu cadi ancora nei tranelli che può causare anche la pronuncia stessa? Bene, noi facciamo proprio al caso tuo. Studentville ha deciso di dedicare un intero spazio proprio a questi dubbi, in particolare ora parleremo di quale forma è corretta tra D’altronde e daltronde, le regole, dove va utilizzata e i sinonimi. E dato che noi ci teniamo al vostro italiano corretto faremo anche degli esempi cosi da evitare in futuro qualsiasi errore. State tranquilli alla fine della lettura tutto sarà più chiaro!

Non perderti: Come fare un buon tema: 19 errori di ortografia da evitare

D’altronde o daltronde: forma corretta

La forma corretta è “d’altronde” con l’apostrofo. Questa è una locuzione avverbiale che deriva dall’accorpamento di due parole “da + altronde”. Dal momento che la grammatica italiana non prevede la fusione tra una preposizione e un’altra parola, è evidente che si scrive d’altronde. Ma  cos’è che fa cadere nell’errore e avere dubbi? L’errore è dovuto al fatto che nel linguaggio parlato, la “a” di “da” risulta più debole rispetto alla “a” di altronde; questo trae inganno in quanto si è portati a pensare che l’espressione sia tutta unita. Chiarito il dilemma e aperto il vaso di Pandora passiamo ora ai sinonimi, che possono aiutare a commettere i vari “orrori” di grammatica

D’altronde: sinonimi ed esempi

I sinonimi sono efficaci in quanto possono sviare le  difficoltà nell’utilizzo degli avverbi, degli aggettivi e delle locuzioni. Vedremo ora i sinonimi di d’altronde e quando possono essere utilizzati:

  • d’altra parte
  • del resto
  • peraltro
  • d’altro canto
  • però
  • tuttavia

I sinonimi non devono essere, però, una scusa per non imparare a scrivere bene e tanto meno approfittarne per non capire la regola. Essere a conoscenza di questi piccoli, “grandi” dettagli è importante, tanto la pronuncia può ingannare, ma devi essere più furbo. Quindi devi studiare!!! Ora per aiutarti ancora di più a capire bene la regola e memorizzarla faremo anche degli esempi:

  • La tua, come sempre d’altronde, è una scelta discutibile.
  • Mi erano venute le vampe d’altronde me l’aspettavo.
  • Non capisco cosa ci facciano i giocatori di golf con tutte quelle mazze, d’altronde devono solo infilare una pallina in una buca.
  • Queste camicie costano parecchio, ma, d’altronde, sono così ben rifinite che valgono assolutamente il loro prezzo!
  • D’altronde puoi scegliere tra un voto basso o rifare l’esame.

D’altronde: etimologia

Ma nessuno è curioso di sapere da cosa deriva “d’altronde” e la sua origine? La parola deriva dal latino e la perfetta etimologia è questa: alĭter ŭnde. Noi di Studentville non ci accontentiamo mai e attraverso i nostri approfondimenti è saltato fuori il fatto che scrivere “d’altronde” tutto attaccato non è cosi scorretto. Infatti, secondo l’Accademia della Crusca  “daltronde” può essere scritto anche in forma unita, sempre con la notazione di “forma rara” o comunque meno comune della corrispondente forma separata: quindi daltronde viene indicato come forma rara e desueta. Dunque ricordate che si tratta di una forma arcaica, che oggi non si utilizzata più ed è considerata spesso un errore.

Non perderti: