RICORSO BOCCIATURA AL TAR: QUANTO COSTA?

Purtroppo la fine della scuola non significa solo promozione, relax e vacanze: c’è chi potrebbe non essere ammesso all’anno successivo dovendo ripetere l’anno. Sebbene esistono cose peggiori nella vita che bocciare, è comunque un’esperienza che tutti gli studenti vorrebbero evitare, soprattutto se ci accorgiamo che la bocciatura potrebbe essere ingiusta. Ci sono dei motivi precisi per cui il consiglio di classe può bocciare un alunno; nel caso di errore da parte dei professori, si può ricorrere anche in sede legale, al TAR. Quanto costa questa procedura? Scopriamolo insieme!

Leggi:

RICORSO BOCCIATURA SCOLASTICA: I MOTIVI

Prima di tutto, ricapitoliamo i motivi legittimi per cui il Consiglio di classe può decidere di farti ripetere l'anno. La tua bocciatura è ben motivata se:

  • Se non hai la sufficienza in condotta.
  • Se non hai frequentato almeno per tre quarti dell’anno scolastico
  • Se hai gravi insufficienze in diverse materie.

Per approfondire: Essere bocciati a scuola: i motivi

BOCCIATURA SCOLASTICA: COME FARE RICORSO AL TAR

 In caso di bocciatura puoi provare a fare ricorso al provveditorato per lo studio o aderire direttamente le vie legali rivolgendoti al TAR. In questo secondo caso, un legale da te scelto dovrà consegnare gli atti del ricorso stesso entro 60 giorni. Per presentare istanza di annullamento della bocciatura al TAR è fondamentale avere prove certe dell’ingiustizia subita.  In questo caso, occorre rivolgersi ad un avvocato competente, che cercherà di mettere in luce se ci sono state scorrettezze nella compilazione di verbali scolastici, se il voto che ha determinato la bocciatura non è dato dalla media dei voti, se i professori, nel corso dell’anno, non hanno dato modo all’alunno di recuperare e, infine, se durante il consiglio di classe uno o più professori erano assenti. In tutti questi casi, infatti, il ricorso può essere accolto e la bocciatura annullata.

RICORSO BOCCIATURA AL TAR: I COSTI

 Fare ricorso al Tar significa assumere un avvocato che si occupi del caso e affrontare dei costi legati alla causa (spese legali e processuali). Considera che per una semplice consulenza iniziale sull’opportunità di fare causa, un avvocato può chiedere tra gli 80 e i 150 euro circa. L’intero procedimento fino alla sentenze costa in media 2500 euro. Non proprio economico se si pensa poi che spesso i processi si dilungano per alcuni anni prima di arrivare alla sentenza. Tuttavia, se sei sicuro di avere subito un’ingiustizia e hai le prove per dimostrarlo, è giusto cercare giustizia e far valere i tuoi diritti.

Non perderti:

COME FARE PER NON ESSERE BOCCIATI

 Tutto chiaro? Certo, prima di imbarcarti in questa epopea (il ricorso al Tar è costoso ed ha tempi lunghissimi), pensaci bene e valuta, magari insieme ai tuoi genitori, se veramente la bocciatura è stata ingiusta. Se non vuoi rischiare di essere rimandato leggi i nostri articoli con numerosi e utili consigli: