In ludis scaenicis poetae pulchras fabulas populo docent. Fabularum poeta Titus Maccius Plautus est; a Plauto Romanis multae fabulae palliatae scribuntur; in fabulis palliatis narratur dominorum et servorum cotidiana vita: saepe a servis dolo domini falluntur et dominorum filii defenduntur. Alius palliatarum poeta est Terentius; Terentius Afer dicitur quia ab Africa venit. In Terentii fabulis saepe domini cum filiis contendunt. Quintus Ennius et Aulus Pacuvius fabularum praetextarum poetae sunt; fabulae praetextae gloriam Romanae historiae et victoriam copiarum et facta virorum clarorum celebrant. Plauti et Terentii nunc exstant multae fabulae, sed Ennii et Pacuvii parva fragmenta in Auli Gellii libris legimus.

Traduzione

Negli spettacoli i poeti fanno rappresentare belle opere teatrali per il popolo. Tito Maccio Plauto è un poeta di opere teatrali; da Plauto vengono scritte per i Romani molte palliate (commedie); nelle palliate si narra la vita quotidiana di padroni e servi: spesso i padroni sono ingannati dall’astuzia dei servi e i figli dei padroni vengono difesi. Un altro poeta di commedie è Terenzio; Terenzio è detto Afro perché viene dall’Africa. Spesso nelle opere di Terenzio i padroni litigano con i figli. Quinto Ennio e Aulo Pacuvio sono poeti di preteste (tragedie); le preteste celebrano la gloria della storia romana, la vittoria delle milizie e le gesta di uomini famosi. Oggi rimangono molte opere di Plauto e Terenzio, ma leggiamo piccoli frammenti di Ennio e Pacuvio nei libri di Aulo Gellio.