Queste giornate di ottobre ci hanno messo tutti in difficoltà: come vestirsi per andare la mattina a scuola o all’università? La mattina e la sera fa piuttosto freddo, mentre il giorno si registrano temperature estive. Per non parlare poi di quando nelle aule fa troppo freddo perché i termosifoni non sono ancora accesi oppure al contrario quando fa troppo caldo all’interno rispetto alle temperature invernali esterne. Per risolvere questo annoso problema, ancora una volta ci viene incontro la tecnologia: è nato un nuovo smartwatch, chiamato Embr Wave, che funziona come calorifero o condizionatore “da polso”, facendoci sentire più caldo quando la temperatura si abbassa e viceversa.

Lo smartwatch, grazie a una placca termoelettrica sul quadrante che registra i cambiamenti di temperatura corporea, è infatti dotato di una cassa in alluminio che disperde il calore per raffreddare il corpo accaldato facendo la funzione di un condizionatore portatile; allo stesso tempo, può dispiegare delle onde di calore che ci scaldino quando sentiamo freddo, diventando il nostro piccolo mini-radiatore.

Il funzionamento dello speciale orologio è dato dalla combinazione di tre fattori diversi, ossia la personalizzazione della temperatura, la conduzione e le onde di calore. Per prima cosa, infatti, è possibile impostare meccanicamente la temperatura schiacciando a destra sul quadrante per aumentare la temperatura e a sinistra per attivare la funzione climatizzatore. In secondo luogo, lo smartwatch è in grado di rilevare direttamente la temperatura della nostra pelle e quindi rilasciare freddo o caldo di conseguenza.

L’idea di Embr Wave è nata quattro anni fa al MIT (Massachusetts Institute of Technologies) ed è stato sviluppato dalla startup Embr Labs. Tuttavia, solo nel settembre 2017 è stato inserita su Kickstarter e potrebbe entrare prestissimo in produzione. Il prodotto è stato testato su oltre 200 persone e i benefici sono stati registrati da tutti. Il sogno di freddolosi e calorosi diventerà presto realtà!