Come giocare a Monopoli? Le regole

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo dei giochi da tavolo e oggi rispolveriamo insieme a voi uno dei giochi più famosi, il Monopoli. Tante generazioni hanno giocato a questo gioco, negli anni sono state create nuove e diverse versioni, ma lo scopo rimane sempre e solo uno, acquistare la maggior parte delle proprietà, costruire case e alberghi e fare in modo che i vostri avversari abbaino difficoltà nel raggiungere la vostra smisurata ricchezza. Ovviamente non è facile conquistare tutto il tabellone, ci vuole fortuna, furbizia e un buon senso degli affari. La fortuna, in questi casi, è la miglior amica del giocatore, soprattutto al lancio dei dadi che possono evitare di farvi finire su caselle indesiderate, come gli imprevisti o la prigione. Qual è la vostra pedina preferita? La mia, in assoluto, il funghetto che, oltre ad avere dei bei colori, è di una tenerezza assoluta.

Monopoli: scopo e strumenti del gioco

Il gioco da tavola che da anni e anni appassiona grandi e piccoli e che ha diverse varianti del nome, Monopoly, Monopolino e Monopòli, è un’idea dell’americano Charles Darrow che propose il gioco ad una casa editrice che però lo rifiutò. Dopo aver ricevuto questo rifiuto, Darrow decise di produrlo a sue spese ed ebbe un enorme successo; in Italia il gioco venne distribuito nel 1935 ed era diverso dall’originale in quanto, sotto il regime fascista, l’Italia non ammetteva che fosse in inglese e le vie sul tabellone presero nomi di vie della città di Milano. Al crollo del regime alcuni nomi vennero cambiati e dal 2009 il gioco fu distribuito dalla Hasbro con il nome Monopoly. Ciò che vi serve è un tabellone su cui sono stampate diverse caselle divise per colori in varie vie, corsi e imprese societarie. Sono presenti poi le caselle probabilità ed imprevisti, la prigione e la casella del via. Nella scatola sono inclusi anche 6 pedine diverse due dadi, le carte dei contratti e delle probabilità/imprevisti , le case in miniatura di diversi colori ed i soldi stampati. Lo scopo del gioco è l’acquisto del maggior numero possibile di lotti in modo da far pagare i giocatori che si fermano sopra la proprietà e mandarli in bancarotta.

Monopoli: regole di gioco

All’inizio del gioco, tra i giocatori, si sceglierà chi farà il banchiere, ovvero colui che distribuisce i soldi all’inizio del gioco e li gestirà per tutta la durata del gioco. Il banchiere darà, inoltre, a tutti i giocatori 5 contratti distribuiti a caso e che loro potranno vendere a proprio piacere. Il primo giocatore che inizia la partita dovrà lanciare i dadi e spostare la propria pedina per un numero di caselle uguali alla somma uscita dal lancio effettuato. Se la pedina si ferma su terreno libero il giocatore potrà, a sua discrezione, decidere di comprare il lotto su cui si è fermato o andare avanti nel gioco. Nel caso lo acquisti dovrà pagare alla banca il valore riportato sulla casella e gli verrà consegnata una carta di contratto in cui sono riportate le tariffe da pagare per costruire case o alberghi,  oltre alla tariffa di pedaggio che gli altri giocatori dovranno pagare se capitano su quella casella. Se il giocatore arriva sulle caselle di imprevisti e probabilità, dovrà pescare una carta dagli appositi mazzi e leggere ad alta voce le indicazioni riportate che possono essere piacevoli o spiacevoli. La casella prigione indica due turni di stop per chi ci sale sopra, mentre ad ogni passaggio dal via si ritirano dei soldi. Il gioco procede così tra acquisti e pagamenti di pedaggi e tasse. Se un partecipante finisce i soldi può fare ipotecare i lotti da lui posseduti che verranno pagati dalla banca la metà del loro valore; vincerà chi riuscirà a gestire meglio le proprie finanze mandando gli altri in bancarotta.

Leggi anche: Masterminds: regole e trucchi