Se avete un brutto ricordo che non riuscite a mandare via dalla vostra testa, fatevi una partita a Tetris. Avete capito bene. Il giochino classe 1984 secondo la scienza impedirebbe ai cattivi ricordi basati su medesime esperienze di rimanere nella nostra memoria. Detto in parole più scientifiche: sarebbe la soluzione ai disturbi post traumatici da stress.

Il Department of Clinical Neuroscience del Karolinska Institutet di Stoccolma, con questa ricerca ha chiarito anche le motivazioni: il Tetris è un gioco molto più complesso di quanto effettivamente appare e oltre a maggiore attenzione richiede anche molta memoria visiva. Sia il veloce collocamento delle forme sia la ricerca di una soluzione immediata, eviterebbero quindi ai cattivi ricordi di fissarsi nella nostra mente.

L’esperimento condotto dai ricercatori ha visto 70 persone vittime di incidenti stradali coinvolte: a metà di loro è stato chiesto di giocare a Tetris per 20 minuti. All’altra metà, invece, di scrivere su un foglio la loro tragica esperienza. A una settimana di distanza, quelli che avevano giocato a tetris avevano il 60% in meno di brutti ricordi rispetto agli altri.