Car Sharing per Viaggi in Europa: tutte le info

Siete tutti a conoscenza del servizio di Car Sharing? Sapete di cosa si tratta e come funziona? Oggi lo vedremo insieme, ma iniziamo col dirvi subito che è un modo pratico, sicuro e veloce, di organizzare un viaggio all’insegna del risparmio. Avrete sicuramente sentito storie di persone che viaggiano con questa modalità, pensate che bello non dover arrivare in stazione, evitare di inciampare sulla valigia mentre correte, fare la corsa per non perdere il treno, stare con l’ansia di rimanere a terra. Questo potrà essere solo un brutto ricordo, con il car sharing i vostri viaggi saranno diversi, senza ansia, senza fretta e con l’aggiunta di avere la possibilità di conoscere gente nuova. Ma non perdiamo altro tempo, scopriamo subito come funziona.

Potrebbe interessarti: Noleggio auto in Europa: opzioni low cost

Car Sharing: come funziona

Il primo passo è quello di associarsi ad un circuito di car sharing presente nella città di appartenenza e che gestisca veicoli di una o più tipologie. Potrete prenotare la vostra auto attraverso diversi canali: tramite internet, telefonando l’apposito call center oppure direttamente dal vostro smartphone scaricando l’applicazione. Chi prenota il veicolo può prelevarlo nell’area riservata a qualsiasi ora del giorno e della notte e avrà l’obbligo di restituirlo presso un parcheggio prestabilito. Non tutti i fornitori seguono questa regola, il veicolo potrà essere lasciato ovunque a patto che rispetti le regole stradali e che non intralci il passaggio di autobus, auto o parcheggi riservati ai disabili. Uno dei migliori vantaggi del car sharing è quello di poter arrivare con l’auto anche nelle zone a traffico limitato.

Car Sharing per Viaggi in Europa: le tariffe

Esiste un abbonamento che può essere utilizzato anche da più membri di una stessa famiglia a cui vanno aggiunti i costi cosiddetti “su strada”, distinti in diurni e notturni, o giornalieri. I costi orari possono comprendere o meno una tariffa a chilometro, che comunque di solito scatta oppure varia se si supera una certa soglia di chilometri giornalieri. Nel prezzo del car sharing sono solitamente compresi assicurazione kasko, furto e incendio, assistenza stradale 24 ore su 24 (valida in tutta Europa) e carburante. Il fornitore del servizio si preoccupa di riempire il serbatoio, ma se il livello del carburante è meno di 1/4 del serbatoio, l’utente può provvedere autonomamente al rifornimento ed essere rimborsato, ad esempio, con dei minuti di guida gratuita utilizzabili entro 30 giorni. I migliori fornitori di servizi car sharing, in Italia, sono Car2go ed Enjoy disponibili sia a Roma che a Milano.

Scopri anche: Noleggio Auto all’estero: come funziona e documenti