Rimborso Biglietto Trenitalia: in quali casi richiederlo

Tutti abbiamo viaggiato almeno una volta in treno e ci sarà sicuramente capitato di subire un ritardo, lieve o grave, una cancellazione o di cambiare idea per la data di una partenza all’ultimo momento. In questi casi la compagnia ferroviaria più importante, ovvero Trenitalia ci viene in aiuto, consentendoci di avere un rimborso o almeno un’indennità. Il rimborso Trenitalia può essere chiesto nei seguenti casi:

  • Rimborsi per rinuncia al viaggio: se decidi di rinunciare al viaggio e se la tipologia di biglietto che hai acquistato lo consente, puoi chiederne il rimborso con l’applicazione di una trattenuta del 20%.
  • Indennità per ritardo o soppressione del treno (imputabile a Trenitalia): in caso di ritardo in arrivo dei treni Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca, compreso tra i 30 e i 59 minuti, Trenitalia ti riconosce come indennizzo un bonus pari al 25% del prezzo del biglietto che potrà essere utilizzato entro 12 mesi per l’acquisto di un nuovo biglietto. In caso di ritardo in arrivo superiore ai 59 minuti Trenitalia ti corrisponde un’indennità pari al: 25% del prezzo del biglietto per un ritardo compreso tra 60 e 119 minuti; 50% del prezzo del biglietto per un ritardo dialmeno 120 minuti;

Trenitalia fa una distinzione del rimborso per categoria di treno e anche in base alla tariffa prescelta. I biglietti della tariffa Economy e Supereconomy, ad esempio, non sono rimborsabili. Non sono inoltre, rimborsabili : 

  • I biglietti smarriti, distrutti o rubati;
  • i biglietti di abbonamento, salvo i casi espressamente previsti;
  • la prenotazione del posto;
  • le carte commerciali;
  • i carnet di prenotazioni per abbonati;
  • biglietti rilasciati in base ad offerte promozionali che prevedono espressamente la non rimborsabilità;
  • biglietti gratuiti rilasciati a qualsiasi titolo;
  • gli importi dovuti per la riservazione in uso esclusivo di compartimenti e carrozze;
  • gli importi aggiuntivi pagati: per il pagamento del biglietto pre-riservato con postoclick/postoblu per la consegna a domicilio dei biglietti e quelli corrisposti a titolo di compenso per le attività di vendita delle agenzie di viaggio. i biglietti per la parte acquistata con buono sconto.

Rimborso Biglietto Trenitalia: come fare a richiederlo

Abbiamo visto i casi in cui è possibile richiedere un rimborso, vediamo ora quali sono le modalità giuste per richiederlo e attraverso quali canali è possibile farlo:

  • utilizzando l’apposita funzionalità disponibile nella tua area riservata su questo sito o sull’App Trenitalia solo per i biglietti che hai acquistato su questi canali;
  • telefonando al Call Center o compilando l’apposito web form disponibile su questo sito solo per i biglietti che hai acquistato sul sito o tramite il Call Center;
  • presso qualsiasi biglietteria;
  • all’agenzia di viaggio presso cui hai acquistato il biglietto.

L’indennità sarà corrisposta a tua scelta:

  • con un bonus per acquistare entro 12 mesi un nuovo biglietto;
  • in contanti per pagamenti effettuati in contanti;
  • mediante il riaccredito per pagamenti effettuati con carta di credito

Leggi anche: