Telefono Azzurro: tutte le info

Purtroppo, al giorno d’oggi, ci capita molto spesso di ascoltare notizie che riguardano la violenza sui minori tra le mura di casa, nelle scuole o al di fuori di tutto questo. Da tanti anni, ormai, esiste il Telefono Azzurro, un numero a cui si può, e si deve, chiamare in casi di emergenza. L’obiettivo è quello di tutelare e proteggere i minori intervenendo con tutti i mezzi necessari a loro disposizione. Dietro una cornetta ci sono persone che, con la loro preparazione, ascoltano i problemi, cercando di dare aiuto e di intervenire con tutti i sussidi necessari. Ora scopriamo qual è il numero e qual è il suo impegno nella lotta al bullismo.

Leggi anche: Lo sfruttamento minorile

Telefono Azzurro: qual è il numero da chiamare

Ci sono diverse sedi del Telefono Azzurro in giro per l’Italia, ora ve le elenchiamo con i numeri e tutti i contatti:

  1. Milano: via Copernico 1 20125 Milano, Telefono 02.550271, Fax  0255027200;
  2. Torino: Corso Rosselli, 128/A – 10141 Torino, Telefono 011.4831104 , Fax 011.4367980;
  3. Treviso: Via Isola di Mezzo, 33 – 31100 Treviso, Telefono 0422.545404, Fax 0422.545413;
  4. Modena: Via Emilia Est, 421 – 41100 Modena, Telefono 059.9787.000 , Fax 059.9787.007;
  5. Firenze: Borgo Tegolaio, 7 – 50123 Firenze, Telefono 055.5387420, Fax 055.5387421;
  6. Roma: Piazza Forlanini 1, Pal. R – 00151 Roma, Telefono 06.95219201, Fax 06.95219220;
  7. Napoli: Via della Giudecca Vecchia, 29 – 80139 Napoli, Telefono 081.0140648, Fax  081.01536101;
  8. Palermo: Via Lussemburgo 68 – 90146 Palermo, Telefono 091.7659600, Fax  091.7659601.

Da quando i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo si sono diffusi in maniera preoccupante, il telefono azzurro è sceso in campo per difendere i minori; addentriamoci meglio nella questione.

Telefono Azzurro: l’impegno nella lotta al bullismo

Il telefono azzurro è sempre pronto a scendere in campo quando si tratta di difendere i bambini dalla violenza. Si è messo in moto anche per affrontare i casi di bullismo e cyberbullismo registrando un numero elevato di consulenze: 619 in un solo anno. Il fenomeno viene registrato maggiormente al nord, le femmine vittime di bullismo sono il 45%, dato che sale al 70% per episodi di cyberbullismo. I bulli sono generalmente maschi (60% dei casi) e amici o conoscenti della vittima, le ragazze sono responsabili del 25% dei casi in cui la bulla agisce sola, cui si aggiunge un 15% in cui opera in gruppo. Le vittime sono bambini sempre più piccoli, anche di 5 anni (22% dei casi). Le richieste di aiuto per episodi di cyberbullismo iniziano durante le scuole secondarie di primo grado e proseguono in adolescenza. I casi di richiesta di aiuto per bullismo o cyberbullismo sono spesso accompagnati da problemi scolastici, difficoltà relazionali e problematiche legate all’area della salute mentale.

Non perderti: Violenza sui familiari, donne e bambini