Mappa concettuale sul Decadentismo

Il Decadentismo è un movimento artistico-letterario che si è diffuso in Europa tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. Tale corrente nasce precisamente a Parigi il 26 maggio 1883, quando Verlaine inaugurò la nuova tendenza pubblicando sul periodico Le Chat Noir il sonetto Laugueur. La poesia esprime in pieno uno stato d’animo diffuso in quel periodo, vale a dire un senso di disfacimento e decadenza, di perdita di speranza e compiacimento autodistruttivo. Il portavoce del movimento è il periodico Le Décadent, da cui il movimento prende il nome.

Decadentismo, principi e visione del mondo

Il Decadentismo si oppone al Positivismo, in quanto i decadenti non credono più ai fatti concreti, alle leggi meccaniche e fisse. Non viene accettata la scienza, ma il decadentismo crede che l’essenza del reale sia al di là delle cose, indecifrabile e ambigua. Il poeta decadente predilige gli stati che gli permettano di entrare in contatto con l’assoluto e l’inconoscibile, come il delirio, la pazzia, il sogno, l’incubo. Spesso i poeti producono questi stati artificialmente, facendo uso di droghe e alcol.

Esponenti del Decadentismo

Tra gli esponenti del Decadentismo in Europa ci sono i simbolisti francesi, come Verlaine, Mallarmé, Rimbaud. L’esponente principale inglese è Oscar Wilde, mentre tra gli irlandesi ricordiamo Yeats. In Germania il movimento è stato invece portato avanti da Rilke e George. In Italia il movimento decadente assume caratteri variegati in quanto gli autori hanno caratteristiche abbastanza differenti tra di loro: Pascoli, d’Annunzio, Svevo, Fogazzaro e Pirandello.

Potrebbe interessarti:

Mappa concettuale sul Decadentismo da scaricare

Bene, adesso non ti rimane che leggere la nostra mappa concettuale e fissare al meglio i concetti. In bocca al lupo!


Mappa Concettuale pubblicata per gentile concessione di Mapper
(http://mapper-mapper.blogspot.it/)

Traduzione

Mappa concettuale sul Decadentismo