Lavorare in Cina: cosa sapere

di | 20 Agosto 2020

Lavorare in Cina: da dove iniziare

Vi è passato per la testa di trasferirvi in Cina e cercare lavoro? Oggi vogliamo condividere con voi tutte le informazioni che abbiamo trovato facendovi qualche opportuna raccomandazione. L’idea di fare le valigie e partire da un giorno all’altro ve la potete togliere dalla testa in quanto si tratta di un viaggio impegnativo che non si può né organizzare e né fare in un giorno. Inoltre è una decisione importante che va ponderata, quindi non va presa a cuor leggero.

Non perderti: Lavorare all’estero: professioni più cercate

Lavorare in Cina: come ottenere il visto

Le modalità e i requisiti di rilascio di un visto per recarsi in Cina variano in funzione del motivo per cui ci si deve affrontare il viaggio. Questi possono essere suddivisi principalmente in quattro categorie: turismo (categoria L), studio (X), affari (M) e lavoro (Z). Alcuni requisiti sono universali per qualsiasi tipo di visto si debba richiedere e nello specifico sono: passaporto originale con almeno sei mesi di validità, una fototessera recente con sfondo chiaro e un modulo di richiesta debitamente compilato e firmato. I requisiti per ottenere il visto business (M), oltre a quelli generali già descritti, necessita di una lettera d’invito dell’azienda da cui ti stai recando. Per quanto concerne il rilascio del visto Z, l’unico che permette di lavorare legalmente in Cina, la procedura ha diverse fasi. Il primo step è quello di ricevere una lettera d’invito da parte dell’azienda ospitante. Il secondo è richiedere il Foreigner’s Work Permit (permesso di lavoro per lo straniero) allo State Bureau of Foreign Experts (Ufficio Statale per gli Esperti Stranieri).

Lavorare in Cina: le professioni più ricercate

settori con una propensione maggiore all’assunzione di nuova forza lavoro proveniente dall’Italia sono infatti: Import/Export e, come già anticipato, Fashion & Luxury (23%), seguono poi Food & Beverage (21%), Architettura e Design (18%), Consulenza Finanziaria (12%), Hotel & Tour Operator (10%), Servizi (9%), Pharma & Cosmetica (7%).