Università della Birra: corsi

Appassionati di birra? Nasce a Milano l’Università della Birra promossa da Heineken che ha sede nel quartiere di Lambrate con oltre 1000 metri quadrati aule per la didattica e lo studio. I corsi uniscono cultura e business con attenzione al mondo del digitale e all’innovazione. Lo scopo è quello di divulgare competenze di alto livello agli operatori del settore e stimolare opportunità di business per l’intera filiera. “Il mercato della birra in Italia vive un momento dinamico, una vera e propria primavera – fa sapere Soren Hagh, amministratore Delegato di Heineken Italia – il nostro ruolo è quello di guidare la categoria e di sviluppare il business attraverso investimenti, ricerca, innovazione e formazione per gli operatori, componente imprescindibile per lo sviluppo. Il progetto di Università della Birra è 100% made in Italy, ma potenzialmente esportabile anche all’estero”.

Università della Birra: corsi, lezioni e degustazioni

Università della Birra: lezioni

Secondo quanto fa sapere Repubblica, le lezioni durano circa una giornata, per rispondere alle esigenze degli operatori, e il percorso di studio alterna lezioni di teoria in aula e sessioni pratiche in laboratori attrezzati. La componente digitale gioca un ruolo di spicco e si integra con le lezioni in aula, per un percorso di studi che è fruibile anche dalla piattaforma dedicata di e-learning.

Università della Birra: degustazioni

Inoltre ci saranno anche spazi per la degustazione, ed infine una biblioteca per studiare per un totale di tre indirizzi: Cultura birraria; Sales Capability; Gestione aziendale.”L’Italia – spiega Michele Cason, presidente AssoBirra – è il decimo Paese produttore di birra in Europa. Con le sue 7mila etichette si tratta di un settore vivace che vede i marchi storici produrre in Italia ed imprese grandi e piccole esportare lo stile italiano nel mondo. Il crescente interesse di nuove categorie di consumatori e di una nuova generazione di imprenditori dimostra come ci siano le condizioni per uno sviluppo del settore”.