Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Tema sulla Pasqua

TEMA SULLA PASQUA. La Pasqua si avvicina e i prof sono alle prese con tracce sulla Pasqua, il suo significato e le tradizioni popolari. Se sei in crisi e non hai idea di cosa scrivere sei nel posto giusto: ecco un tema svolto sulla Pasqua per finire in fretta i compiti.

Non perderti: Come scrivere un tema

Leggi: Tema sulle vacanze di Pasqua

TEMA SULLA PASQUA E LE SUE TRADIZIONI: INTRODUZIONE. La parola Pasqua deriva dal termine ebraico “pesàch” che significa “passare oltre” e in effetti, comunque la si voglia vedere, questa festività ha a che fare con il trascorrere e quindi con la rinascita: infatti se per gli ebrei la Pasqua celebra la liberazione degli Ebrei dall’Egitto (a “passare oltre” fu il Signore che con la decima piaga colpì soltanto gli egiziani evitando le case del suo popolo) e per i cristiani la rinascita cui si fa riferimento è quella di Cristo i popoli pagani celebravano la festa di una resurrezione diversa, quella della terra che si prepara alla primavera e alla fertilità. In un caso o nell’altro, dunque, la Pasqua è legata alla vita.


TEMA SULLA PASQUA: SVOLGIMENTO. Il giorno della Pasqua viene calcolato per ogni anno secondo le fasi lunari e cade la domenica successiva dopo il primo plenilunio dall’equinozio di primavera: questo calcolo rende evidenti le origini della Pasqua, origini che sono da ricercare in tutti quei culti che celebravano la fertilità e che possiamo ritrovare in un simbolo sempre presente nelle nostre festività pasquali, vale a dire l’uovo. L’uovo è il simbolo della vita ed è indissolubilmente legato alla figura della donna che, come si sa, non solo è la portatrice della fecondità ma era spesso una divinità (di qualsiasi religione pre-cristiana si voglia parlare) alla quale venivano fatti sacrifici perché il raccolto fosse abbondante e nelle varie comunità continuassero a nascere nuovi membri. Lo stesso discorso vale per un altro simbolo pasquale, il coniglio che notoriamente sforna un gran numero di coniglietti.
Tenendo ben presente dunque queste origini è semplice comprendere come un altro termine ebraico per indicare la Pasqua la qualifichi come “festa della primavera”, festa durante la quale si era soliti celebrare il raccolto delle prime spighe di grano che venivano poi utilizzate per preparare cibi che venivano mangiati in quell’occasione e che anche oggi devono essere rigorosamente non lievitati.
Cibo, Pasqua e primavera sono quindi elementi che, da qualsiasi angolo la si voglia guardare, sono sempre andati a braccetto: le uova, che oggi sono per lo più di cioccolato, erano un dono propizio che ci si scambiava tra amici e l’agnello (o l’abbacchio, se vogliamo) se anche era legato al sangue dell’agnello che segnalò al Dio di Israele su quali famiglie non scagliare la sua ira oggi richiama una serie di questioni diverse, dalla cucina alla nostalgia di casa alle battaglie degli animalisti per limitare il macello degli agnellini da latte sotto la Pasqua. In ogni caso, Pasqua è abbondanza, è festa, è vita, sia questa divina (come nel caso di Gesù Cristo che secondo i vangelì è risorto a tre giorni dalla morte avvenuta in croce) o rappresentata nell’alternarsi delle stagioni o ancora nell’arrivo (e nel caso degli agnelli nel sacrificio) dei nuovi nati.


TEMA SVOLTO SULLA PASQUA: CONCLUSIONI. A prescindere dalla fede e dalle convinzioni di ognuno questa festa ha un significato univoco, che è quello del rispetto per la vita in senso lato: rispettare la terra, gli animali, gli altri esseri umani e godere insieme dei frutti che questo nostro bellissimo pianeta ci regala grazie al ciclo delle stagioni  è senz’altro il miglior modo di festeggiare la rinascita, sia che la si intenda come un punto su un tempo circolare sia che le si dia una connotazione più specificatamente divina.
 

TEMI SVOLTI: RISORSE PER I COMPITI. Se hai bisogno di altri temi svolti non devi fare altro che:

Commenti

Commenta Tema sulla Pasqua.
Utilizza FaceBook.