Fortnite: il videogioco che spopola tra i giovani

Tra gli adolescenti di tutto il mondo Fortnite è la nuova moda del momento! Si tratta del videogioco più seguito su Youtube anche se è veramente recentissimo in quanto la prima versione è uscita solo alla fine di Luglio del 2017. Fortnite è ambientato nella Terra contemporanea, dove l’improvvisa apparizione di una tempesta mondiale fa scomparire il 98% della popolazione e le creature simili a zombie aumentano per attaccare il resto. I protagonisti sono resi graficamente come cartoni animati e hanno l’obiettivo di difendere i sopravvissuti combattendo i nemici e costruendo armi e trappole. Nel mondo si contano ben 150 milioni di persone, soprattutto adolescenti, che ormai sono dei veri e propri appassionati del videogioco e che ne usufruiscono ad ogni ora del giorno. Il gioco si scarica gratuitamente ma, andando avanti nell’avventura, scatta un pagamento ad ogni livello: ciò ha permesso alla Epic Games, l’azienda che lo ha sviluppato, di incassare la bellezza di 126 milioni di dollari in meno di un anno!

Il problema della dipendenza da Fortnite tra gli adolescenti

Per moltissimi adolescenti Fortnite è diventato una vera e propria dipendenza: i ragazzi passano ore e ore attaccati al videogioco, sia a casa che a lezione. Nelle ultime settimane la situazione è, addirittura, degenerata a causa dell’introduzione di una versione app per telefonini del gioco. L’uso spasmodico di Fortnite negli Stati Uniti è arrivato ad intasare il wifi di molte scuole tanto che un professore americano ha contattato la Epic Games chiedendo all’azienda di convincere gli studenti a non giocare in classe. La casa di videogiochi si è subito adoperata introducendo nella schermata l’immagine di una specie di unicorno blu che invita i ragazzi a non utilizzare il gioco a scuola: servirà questo escamotage a distogliere gli studenti dalle loro avventure?

Leggi anche: