Esopo

Esopo: il Romanzo di Esopo

Esopo, vissuto tra il VII e VI secolo a.C., fu uno scrittore greco di favole. Secondo il Romanzo di Esopo (libro popolare del V secolo), fu uno schiavo frigio che, dopo aver sperimentato lunghi vagabodaggi e vicende avventurose in Oriente, venne condannato a morte a Delfi poiché accusato, falsamente, di furto sacrilego. Secondo la leggenda Apollo vendicò la sua morte dffondendo la sua fama di favolista. Presumibilmente il Romanzo di Esopo conteneva anche le favole che successivamente vennero staccate dalla biografia.

Esopo: le favole

Alla fine del V secolo si attribuiva all’autore una raccolta di favole, la cui popolarità è attestata da Aristofane e Platone. Le favole, successivamente, vennero modificate e ampliate. A noi è pervenuto un corpus di 500 favole, passate attraverso redazioni diverse, distribuite tra il I e il XIV secolo d.C. e derivanti da raccolte antiche, la prima delle quali fu quella di Demetrio Falereo. La struttura della favola di Esopo è molto semplice, la narrazione è breve e lo stile chiaro e lineare. I personaggi sono animali e lo scopo è quello di dare un insegnamento morale. Ogni animale possiede una specifica qualità positiva o negativa e, accanto agli animali, ricorrono aspetti della vita quotidiana. In generale dalle favole di Esopo emerge una morale pratica e popolare, volta soprattutto a difendere i deboli dai prepotenti.

Solo gli stupidi desiderano cose impossibili (I),

Una piccola tartaruga si imbatte in una chiocciola; la chiocciola dunque non sa che la tartaruga è capace di nuotare e anche di camminare sulla terraferma e chiede di imparare la tecnica; la tartaruga dunque inizialmente non vuole e si oppone, in seguito invece, poiché la chiocciola insiste, la porta verso la riva del mare […]

Soli gli stupidi desiderano cose impossibili (II),

Invece la tartaruga si imbatte in una cornacchia e dice: <<dunque io sono in grado di nuotare e camminare sulla terraferma, ma non di  volare; insegnami dunque la tecnica>>. La cornacchia risponde: <<tu sei folle, poiché desideri una cosa impossibile; non ricordi della fine infausta e della chiocciola e della triglia?>> Allora la tartaruga insiste […]

A quale punto può arrivare l'inimicizia

Due nemici viaggiano insieme per mare e non vogliono stare vicini. Così uno si mette a prua e l’altro a poppa. Si scatena una violenta tempesta e l’imbarcazione sta per capovolgersi e affondare. Allora quello che sta a poppa chiede al timoniere: “Quale parte della nave rischia di affondare per prima?”. Il timoniere risponde: “La […]

Le paure della cerva, Scholé, 131

Una volta un cerbiatto diceva ad una cerva: <<Tu, o madre, tu sei per grandezza maggiore di un cane e più veloce e incalzante nel correre verso qualcosa (una preda), e disponi delle corna per difesa; e perché temi così i cani?>> E quella gli risponde: <<So bene che ho tutte queste cose, o figlio; […]

Il leone e l'asino selvatico

Un leone e un asino selvatico andavano a caccia, il leone attraverso la forza, l’asino selvatico attraverso la velocità nelle zampe. Mentre cacciavano alcuni animali, il leone divise e fece tre parti e disse: “Prenderò la mia, poiché sono il primo, infatti sono il re; per quanto riguarda la seconda parte, sono socio alla pari; […]

L'avaro

Un avaro, avendo convertito in denaro tutti i suoi averi e avendo fatto un cumulo d’oro, lo seppellì in un luogo, avendo seppellito lì anche la sua anima e la mente: e giungendo di giorno, lo vedeva. Uno dei lavoratori avendo custodito quello e avendo saputo l’accaduto, avendo scavato portò via il cumulo. Dopo queste […]

La volpe e il leopardo

Una volpe e un leopardo gareggiavano sulla bellezza. Vantandosi il leopardo ogni momento della varietà di colore del corpo, la volpe prendendo la parola diceva: “Ed io quanto sono più bello di te, che ho non il corpo, ma l’intelligenza furba?” La favola dimostra che il mondo della mente è migliore della bellezza del corpo.

Il tonno e il delfinio

Traduzione   Un tonno è inseguito da un delfino. Poiché sta per essere catturato, da un violento assalto è trasportato verso un’isola. Ma il delfino è spinto da quell’impeto e avanza verso l’isola. Quando il tonno si gira e vede il nemico esanime, dice: «Ma per me la morte non è più dolorosa: infatti l’autore […]

Un lupo affamato, una piccola volpe e un mulo

Traduzione   Un lupo è oppresso dalla fame e cerca cibo; nel bosco incontra un piccola volpe e la insegue. Quella fugge, finché il lupo sospira, arresta la corsa e si accascia a terra sfinito. Entrambi sono già fuori dal bosco, la piccola volpe vede un mulo che pascola l’erba, e dice al lupo: “Perché […]

I due amici e l’orsa

Traduzione Due amici percorrevano la stessa strada; davanti ad essi apparve un’orsa e uno degli amici salì su un albero e qui rimase nascosto, mentre l’altro si gettò a terra e si finse morto. Mentre l’orsa lo annusava egli tratteneva il respiro: si dice infatti che questo animale non attacca un cadavere. L’orsa allora si […]