Hydrospeed: tutto quello che dovete sapere su questo sport acquatico

Rimanendo in tema di sport estremi, di adrenalina e di un pizzico di follia, oggi vi vogliamo parlare di un’altra attività sportiva sempre più diffusa nel mondo: l’hydrospeed. E’ bello provare sempre cose nuove, emozionanti e che diano quella scossa che ci fa sentire vivi, ma non bisogna mai dimenticare di praticare degli sport, o fare cose nella vita in generale, che non vi provochino danni e che siano fatti nel massimo della sicurezza. Per praticare l’hydrospeed la cosa fondamentale è saper nuotare bene ed essere in buono stati fisico. Ma andiamo per gradi, scopriamo prima di cosa si tratta.

Hydrospeed: di che attività sportiva si tratta

Per praticare questo sport si deve avere compiuto diciotto anni e l’età massima consentita per continuare a praticarlo è cinquantacinque. E’ di fondamentale importanza saper nuotare bene, stare in ottima salute ed avere una buona forma fisica; si deve essere allenati, abituati allo sforzo e si deve essere amanti dell’acqua, che sia mare, lago o fiume. Perché? Perché come dice il nome stesso, hydrospeed, si tratta di un’attività che si svolge in acqua ed è per questo che bisogna indossare un abbigliamento consono: magliette termiche sopra le quali verrà indossata la muta di neoprene, giacca ad acqua, scarpe e guanti e il casco e le pinne che vi aiuteranno nella discesa. Il bob fluviale vi aiuterà a scendere giù per il fiume ed è composto da uno scafo con impugnature metalliche, un bulbo frontale, due galleggianti laterali che proteggono il bacino e uno spazio adibito ai gomiti. La discesa dura circa due ore che saranno le più lunghe e più belle per gli appassionati di questo sport che avranno l’occasione di stare a contatto con l’acqua e di provare quelle sensazioni che solo questa sa dare.

Hydrospeed: dove farlo in Italia

Volete sapere dove praticare questo sport in Italia? Come al solito a noi non sfugge nulla, ed ecco a voi i posti più belli dove poter praticare l’hydrospeed in Italia:

  1. Fiume Dora Baltea, Valle d’Aosta: fiume lungo quasi 170 km;
  2. Fiume delle Marmore in Umbria: ampia zona escursionistica, formata da un Parco naturale e da 6 sentieri di varia lunghezza e difficoltà;
  3. Fiume Lao, Calabria: anche qui potrete immergervi nelle acque e fare hydrospeed;
  4. Fiume Sesia, Piemonte: uno dei più lunghi fiumi del Piemonte, vanta 140 km;
  5. Fiume Ticino, Lombardia: prova anche qui l’ebrezza di questo sport.

Leggi anche: Bungee Jumping: costo e dove farlo in Italia