L’influenza del blu di Giulio Ravizza è il romanzo d’esordio dell’autore. Edito da bookabook, prima casa editrice che pubblica libri con il crowdfunding, la storia ci porta per le strade di Istanbul, che si chiama di nuovo Costantinopoli. Siamo in un futuro distopico, nel quale il blu è stato cancellato ed è stato sostituito da altri colori, così da eliminare per sempre anche tutti i sentimenti collegati a questa tonalità, come il dolore, la tristezza, la violenza. Così spariscono l’odio e le guerre, ma anche l’istruzione e la voglia di migliorare se stessi.

Il suicidio di Leone Ippoliti, legato al colore blu e alla sua scomparsa, getta il mondo nel panico. Mehmet deve scrivere il discorso di commiato: nel cercare informazioni, arriverà a scoprire la verità sul blu. E il mondo non sarà più come prima.

Bookabook, la casa editrice e il crowdfunding

Il libro L’influenza del blu di Giulio Ravizza è disponibile in tutti gli store online e nelle librerie che fanno parte del circuito di Messaggerie Libri. Le royalties saranno devolute all’associazione Emergency.

Il libro è stato pubblicato grazie alla raccolta fondi di bookabook, una community online che conta più di 85mila lettori legge le bozze, parla con l’autore, si scambia opinioni. Solo i testi che raggiungono l’obiettivo di 200 copie pre ordinate arrivano in libreria. Il lettore diventa così protagonista sin dalle fase di editing.

Il filtro Instagram dedicato

L’influenza del blu è il primo al libro al mondo che è stato lanciato con un filtro Instagram dedicato: Salvatore Aranzulla, digital influencer, ha anche realizzato un video tutorial per spiegare agli utenti del social network come utilizzarlo.


Per attivare il filtro basta andare sul profilo Instagram di bookabook (@bookabook_it) e usare la fotocamera interna, per entrare nella scena più importante del romanzo, diventando di fatto parte integrante della storia. Il volto cambierà secondo le diverse sfumature del blu e di tanti altri colori.

Tomaso Greco, co-fondatore insieme a Emanuela Furiosi della casa editrice, spiega come è nata questa idea:

Coinvolgere il lettore attraverso esperienze originali – come il filtro di Instagram – che parlino alle community dei lettori e dei social network è uno degli obiettivi principali di bookabook. Da un lato vogliamo offrire dei companion, dei contenuti multimediali che arricchiscano l’esperienza di lettura, dall’altro proviamo a stimolare la fantasia del lettore e il passaparola online.

Mentre l’autore Giulio Ravizza, esperto digitale, aggiunge:

È fondamentale espandere l’esperienza di lettura sperimentando e creando strumenti innovativi: il filtro Instagram prova a fare proprio questo catapultando il lettore direttamente in un episodio del romanzo. I libri si comprano se qualcuno di cui ti fidi te li consiglia: oggi è ancora più evidente quando questo compito viene svolto attraverso l’efficace linguaggio delle community del web, fatto di stories, video e condivisioni.