Carpentiere: origini e mansioni

Quello del carpentiere rappresenta uno dei più antichi lavori al mondo, nato intorno al XIV secolo. La sua denominazione deriva dal termine latino ‘carpentum‘ che significa carro in quanto all’epoca si occupava della costruzione di carri trainati da bestiame. Nel corso dei secoli la sua figura si è evoluta e specializzata in lavori molto più complessi che riguardano il mondo degli allestimenti sia edili che navali. Oggi il carpentiere deve possedere doti sia manuali che da ragioniere perché necessita in ogni caso di alcune conoscenze matematiche. Generalmente questo professionista si occupa delle infrastrutture, partendo dall’analisi del progetto fino ad arrivare loro demolizione, passando per la costruzione e per le necessarie verifiche di sicurezza. È in grado di lavorare con qualsiasi tipologia di materiale edile: legno, acciaio, cemento e tutta la lista dei metalli. Tra le sue mansioni più settoriali rientrano anche la costruzione di componenti come scale e infissi, il montaggio dei mobili e la rifinitura delle pareti esterne di un edificio.

Leggi anche:

Carpentiere: formazione

Il percorso di formazione di un carpentiere è regolamentato dall’articolo 90 del CCNL per le Imprese Edili. Per intraprendere questo mestiere è necessario, quindi, seguire un corso di formazione presso una scuola edile gestita dall’Ente Nazionale per l’Addestramento Professionale nell’Edilizia. Successivamente è obbligatorio effettuare un periodo di tirocinio per apprendere tutte le basi del mestiere, per poi conseguire un attestato di sicurezza sul posto di lavoro frequentando un corso della durata di 16 ore. Ottenuta la qualifica da carpentiere è possibile lavorare sia come dipendente di una ditta edile che gestirne una propria.

Carpentiere: stipendio

Lo stipendio annuo di un carpentiere dipende dalla sua esperienza e dal settore all’interno del quale si è specializzato. In Italia la retribuzione media più variare dai 20.000 euro a 35.000 euro all’anno. Per quanto riguarda i diversi settori, quello ad oggi più remunerativo è senza dubbio la carpenteria metallica: in questo caso gli stipendi partono da circa 2.000 euro arrivando fino a 2.500 euro mensili.