L’Università di Harvard ha una nuova rettrice. Si chiama Claudine Gay e, oltre ad essere – nel corso della storia dell’Università – la seconda donna a ricoprire tale ambita carica (la prima era stata, dal 2007 al 2018, Drew Fast) sarà anche il primo rettore di colore. Per entrare nel pieno possesso delle sue facoltà dovrà attendere, però, il 1° luglio prossimo in quanto la donna è preside dell’Harvard College of Arts and Sciences dal 2018. Solo nel 2023 quindi prenderà il posto del fino ad allora rettore Lawrence Bacow.

Claudine Gay, la prima rettrice di colore di Harvard

Entusiasta la Harvard Corporation, che attraverso le parole di Penny Pritzker, membro anziano e presidente del comitato di ricerca presidenziale di Harvard ha detto di lei:

“Claudine è una leader straordinaria che si dedica profondamente al mantenimento e al progresso dell’eccellenza accademica di Harvard, sostenendo sia il valore che i valori dell’istruzione superiore e della ricerca, espandendo le opportunità e rafforzando Harvard come fonte di idee e forza per il bene. nel mondo.”

Secondo indiscrezioni, la sua nomina sarebbe avvenuta dopo diversi mesi di selezione tra circa 600 candidati. Si tratta di un’elezione significativa per il contesto nel quale è avvenuta: ovvero nel momento in cui la Corte Suprema degli Stati Uniti sta dibattendo le procedure di ammissione nelle università più antiche del Paese – tra le quali compare anche Harvard – che avrebbero tenuto in grande conto il colore della pelle o l’origine etnica dei candidati nella valutazione delle loro candidature.

Nonostante non si insedierà prima del prossimo luglio, la Gay ha già pronunciato il suo primo discorso nell’ambito del quale ha chiesto una maggiore collaborazione tra le scuole di Harvard, ed un maggiore impegno da parte dell’università affinché “porti un pensiero audace, coraggioso e pionieristico alle nostre più grandi sfide”.

“Non esistiamo al di fuori della società, ma come parte di essa. Ciò significa che Harvard ha il dovere di sostenere, partecipare e servire il mondo”. Ha dichiarato la Gay.

Chi è Claudine Gay

Claudine Gay, che sarà il 30esimo rettore dell’Università di Harvard, è figlia di immigrati haitiani. Si è laureata alla Stanford University nel 1992, ha poi conseguito il dottorato di ricerca in governo ad Harvard nel 1998. Successivamente è diventata professore associato di ruolo a Stanford, è infine tornata ad Harvard nel 2006 come professore di governo e di studi africani e afroamericani confermandosi come esperta di politica razziale. E studiando, tra gli argomenti, anche gli effetti della povertà e della privazione infantile sulle opportunità educative.

Il suo curriculum è ricco di esperienze e ruoli di grande prestigio: vicepresidente della Midwest Political Science Association, un’organizzazione il cui scopo è quello di migliorare la borsa di studio e l’insegnamento delle scienze politiche, è anche fondatrice dell’Initiative on Inequality in America.

Leggi anche: