Suburra: il successo della serie prodotta da Netflix

A pochi giorni dal suo lancio su Netflix, “Suburra” sta già riscuotendo un fortissimo successo che di sicuro convincerà molti altri spettatori. La serie televisiva, prima italiana prodotta interamente da Netflix, è un prequel dell’omonimo film uscito nel 2015 a sua volta ispirato al romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini. La prima stagione in uscita è composta da dieci episodi diretti da più registi: Michele Placido, Andrea Molaioli e Giuseppe Capotondi. La serie è ambientata prima che a Roma si scatenasse lo scandalo politico a cui è stato ispirato il libro e il film: siamo nel febbraio del 2008 e l’annuncio delle dimissioni da parte del sindaco della Capitale innesca un gioco di potere dalle mille sfaccettature. In tutta la storia a farla da padrone sono gli intrecci politici che si instaurano tra Chiesa, politica, mafia e bande criminali, con risvolti spesso violenti ed inquietanti. I personaggi sono controversi e studiati con precisione: Alessandro Borghi, nei panni di Aureliano Adami, e Giacomo Ferrara, che interpreta Spadino Anacleti, sono attori ottimi e calati perfettamente nella parte tanto da far perdere gli spettatori nelle loro personalità turbolente e in continua trasformazione.

Leggi anche:

Suburra: come vederlo in streaming

“Suburra” è la prima serie originale italiana interamente prodotta da Netflix: dal 6 ottobre è possibile vederla interamente sul canale della piattaforma online mentre nel 2018 verrà trasmessa su Rai 2 con qualche inevitabile taglio nelle scene più forti. Per chi non avesse a disposizione l’abbonamento a Netflix, è possibile recuperare gli episodi della serie anche in streaming su una serie di siti specializzati:

  • Guardaserie;
  • Filmpertutti;
  • Piratestreaming;
  • Eurostreaming;
  • Altadefinizione.