E’ online la nuova edizione, quella 2022/23, di Eduscopio.it. Il progetto della Fondazione Agnelli che diffonde annualmente i dati sulle scuole superiori che meglio preparano gli studenti agli studi universitari o al mondo del lavoro. La fine del mese di novembre ha visto la pubblicazione dei dati relativi al 2022. Quali sono quindi, sotto gli aspetti appena illustrati, le migliori scuole superiori della nostra penisola? La valutazione ha tenuto conto di 1.289.000 diplomati italiani di 7.700 scuole negli anni scolastici 2016-17, 2017-18 e 208-19.

Eduscopio 2022, la classifica delle migliori scuole superiori

Dal 2014 il portale costituisce un punto di riferimento per le famiglie e per gli studenti che sono in procinto di scegliere quale scuola superiore frequentare una volta terminata la terza media. In base alla classifica stilata sulla base dei dati raccolti, è emerso come tra i migliori licei italiani si sia piazzato lo scientifico Nervi di Morbegno (in provincia di Sondrio) in Valtellina; a Milano il liceo di Comunione e liberazione “Sacro Cuore” seguito dal Giulio Casiraghi di Cinisello; a Roma il liceo classico Giulio Cesare; a Napoli il liceo classico Jacopo Sannazzaro, seguito dall’Umberto I, e dal Convitto Vittorio Emanuele II. L’Umberto, il Garibaldi e il Vittorio Emanuele II sono invece i migliori licei classici di Palermo.

La miglior scuola del Piemonte e una delle migliori d’Italia si trova a Mondovì: si tratta del liceo scientifico Vasco- Beccaria- Govone. A Bologna il Copernico è il miglior liceo scientifico metropolitano. In fatto di licei linguistici, sempre a Bologna, il primo posto spetta al Galvani che, nel 2021, era sesto.  Interessante è il debutto in testa nelle Scienze umane dei licei Comenio e Artemisia Gentileschi. Mentre tra i licei delle scienze umane opzione economico-sociale di Milano c’è il Virgilio. Tenca e Besta occupano rispettivamente il secondo e terzo posto.

Eduscopio 2022, la classifica degli istituti tecnici

Ma cosa dire sugli istituti tecnici? Tra quelli a indirizzo economico la Fondazione Agnelli ha riservato il primo posto tra quelli romani al Livia Bottardi, seguito dal Cristoforo Colombo e dal Giovanni XXIII. Restando nella capitale, ai primi posti tra gli istituti tecnici sotto il punto di vista degli sbocchi lavorativi si piazzano Croce Aleramo, Michael Faraday, Da Verrazzano, Einstein. A Bologna, invece, Mattei, Luxemburg, Pier Crescenzi Pacinotti Sirani sono gli istituti tecnici che meglio preparano all’università, mentre tra i tecnici tecnologici, sempre a Bologna a primeggiare è il Pier Crescenzi Pacinotti Sirani.

Dai dati appena divulgati si evincono gli effetti che la pandemia da Covid ha esercitato negativamente sull’occupazione post diploma. Oltre che sui livelli occupazionali, anche sulle tipologie di contratto applicate con una diminuzione dei contratti a tempo indeterminato pari al -5%.

Leggi anche: