Il Doodle del 26 aprile è dedicato ad Anne McLaren. Chi è la donna protagonista dell’omaggio di Google? Oggi sarebbe stato il 94° compleanno della scienziata considerata diffusamente uno dei biologi riproduttivi più significativi del XX secolo. Genetista inglese il cui lavoro ha apportato un contributo fondamentale al mondo della biologia e della genetica, Anne McLaren ha dato speranza a molte coppie nella realizzazione del sogno di diventare genitori. Scopriamone di più.

Leggi: Chi è Vera Gedroits, protagonista del Doodle Google di oggi

Chi è Anne McLaren

Dame Anne Laura Dorinthea McLaren è stata la genetista che ha aperto la strada a progressi fondamentali nel campo della genetica dei mammiferi e dell’embriologia. Progressi che hanno poi contribuito ad una più profonda comprensione della biologia riproduttiva. Alla donna si devono i passi in avanti fatti nell’ambito della fecondazione in vitro e di molti altri trattamenti per la fertilità.

Biografia in breve

La McLaren nasce a Londra il 26 aprile del 1927. Studia zoologia all’Università di Oxford dove la sua passione per la scienza cresce esponenzialmente anche grazie agli insegnamenti di illustri biologi, tra i quali il premio nobel Peter Medawar. Negli anni ’50 la donna inizia a lavorare con i topi per comprendere la biologia dello sviluppo dei mammiferi. Grazie ai suoi esperimenti sugli stessi, insieme al collega John Biggers riesce a creare in vitro embrioni sani al di fuori dell’utero materno. Tale successo apre la strada allo sviluppo della tecnologia di fecondazione in vitro.

Nel 1991 viene nominata Segretario agli Esteri, ed in seguito vicepresidente, della Royal Society, la più antica istituzione scientifica del mondo, diventando la prima donna a ricoprire tale incarico (nella storia dell’istituzione, che allora vantava 330 anni, non era mai successo). Nel 1994 viene eletta presidente della British Association for the Advancement of Science, istituzione dedicata alla promozione della scienza presso il grande pubblico. Grazie a tale ruolo, è riuscita a coinvolgere il pubblico di tutta la Gran Bretagna con le meraviglie della scienza rendendo l’argomento molto più accessibile a tutti. La McLaren muore, insieme all’ormai ex marito, in un incidente d’auto nel 1959.

Leggi anche: