Matteo Salvini: vita

Amato, odiato, contestato, criticato, demoralizzato, caricato delle peggiori accuse e contemporaneamente ringraziato per i suoi modo forti. Di chi stiamo parlando se non di lui, di Matteo Salvini, leghista sfegatato uscito vincente insieme al partito di contrasto con il suo leader Luigi di Maio. Conosciamo bene questo personaggio, impossibile il contrario, conosciamo la sua vita politica e le battaglie che da anni manda avanti. Sappiamo bene cosa pensa del Sud Italia, sappiamo bene su cosa si basa il suo razzismo e la sua politica, ma della sua vita privata siamo sicuri di conoscere davvero tutto? Diciamo subito che Matteo Salvini nasce a Milano il 9 marzo 1973 e si fa conoscere dal bel paese per la sua attiva vita politica che svolge ormai da anni. Dal dicembre 2013 è segretario federale della Lega Nord, partito al quale si è iscritto nel 1990. Nel 1993 viene eletto consigliere comunale nella sua città, Milano, carica che ha mantenuto fino al 2012.  Salvini ha ricoperto vari ruoli all’interno del partito, fino ad essere eletto segretario federale nel dicembre 2013 in seguito alle primarie del partito. Nelle elezioni del 2018 il suo partito è il più votato all’interno della prima coalizione in Italia.

Tieni d’occhio questo articolo:

Biografia di Matteo Salvini

Matteo Salvini nasce a Milano nel 1973 da genitori nordici Doc, figlio di un dirigente d’azienda e una casalinga. Si fa conoscere fin da piccolino dal pubblico italiano, con due piccoli esordi televisivi.  Nel 1985, a 12 anni, partecipa a Doppio slalom condotto da Corrado Tedeschi su Canale 5 e nel 1993, a 20 anni, a Il pranzo è servito condotto da Davide Mengacci, all’epoca in onda su Rete 4. Salvini frequenta il Liceo Classico “Alessandro Manzoni”, dove si diploma nel 1992. Si iscrive quindi al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Milano, per poi passare l’anno dopo al corso di laurea in Scienze Storiche e fermandosi infine a cinque esami dalla laurea. Nel 2008 dichiara che sarebbe arrivata “prima la Padania libera della mia laurea”. In gioventù frequenta il centro sociale Leoncavallo, che influenza fortemente il suo orientamento politico: da lì in poi si schiererà con le correnti di estrema sinistra della Lega, tra cui in particolare ricordiamo il fatto di essere stato fondatore e leader dei Comunisti Padani. Fin da subito dimostra astuzia e forte passione nei confronti della politica, come se la sua strada fosse già segnata, come se il suo destino comunque dovesse essere ricollegato al comando, al potere. La sua politica fin da subito è caratterizzata da norme, valori e riconoscenze dimostrate nei confronti degli Italiani “eliminando” così dalla sua rappresentanza immigrati, extracomunitari e, se proprio la vogliamo dire tutta, anche i meridionali: non a caso il suo partito fino alle ultime elezioni portava il nome di “Lega Nord” , trasformato in “Lega”. A proposito di questo, molti hanno criticato Salvini per il suo cambio di orientamento politico, dall’estrema sinistra all’alleanza con Marine Le Pen e Geert Wilders dell’estrema destra in pochi anni, accusandolo di aver fatto questo cambio radicale solo per meri motivi e per accaparrarsi più voti. Salvini difendendosi ha più volte  spiegato e giustificato la sua scelta, dicendo: “Per assurdo vedo più valori di sinistra nella destra europea che in certa sinistra. Questi partiti e questi movimenti sono quelli che oggi difendono i lavoratori, quelli che conducono battaglie giuste come quella per il ritorno al locale. Allora non ci vedo nulla di strano a cercare un dialogo con chi oggi incarna la resistenza a questa Europa sbagliata”.

Matteo Salvini: vita privata

La sua vita privata è caratterizzata da battaglie, critiche anche sul piano privato, ma anche da donne, belle donne. Infatti per molti anni è stato sposato con Fabrizia Ieluzzi, giornalista presso una radio privata, di origini pugliesi: da lei ha avuto un figlio, Federico, nel 2003. In seguito divorzia dalla giornalista e inizia una convivenza con Giulia Martinelli, dalla quale ha avuto, nel dicembre 2012, una figlia: Mirta. Punto dolente: nella sua ultima campagna elettorale, Salvini, Berlusconi e la Meloni difendevano a spada tratta la famiglia tradizionale, ovvero fondata su un matrimonio canonico-civile. Come se non bastasse all’inizio del 2015 la rivista Novella 2000 svela la storia tra Salvini e la conduttrice televisiva Elisa Isoardi, confermata in seguito da entrambi. Come si è ben capito è una vita sentimentale alquanto turbolenta, con molte contrapposizioni rispetto al suo modello di vita politica e valoriale che lui stesso da sempre cerca di imporre in modo mediatico, forte e attivo.