Plinio il Giovane

Plinio il Giovane, vita e opere

Plinio il Giovane nacque a Como nel 61 d.C. e dopo essere stato adottato dallo zio Plinio il Vecchio venne chiamato Plinio Cecilio Secondo. In seguito alla morte dello zio venne adottao da Virginio Rufo, tra i più eminenti uomini di stato dell’epoca. Venne educato a Roma da Nicete Sacerdote e da Quintiliano. A 19 anni intraprese la carriera di avvocato, che però dovette interrompere per prestare servizio militare in Siria. Percorse il cursus honorum e ottenne la carica di consul suffectus nel 100. Fu legato imperiale in Bitina tra il 112 e il 113 e da qui cominciò ad avere un intenso carteggio con Traiano. Si sposò tre volte ma non ebbe mai figli. Parlò affettuosamente di Calpurnia, sua ultima moglie, in alcune lettere. Era di condizioni molto agiate e possedeva numerose ville a Laurento, in Toscana e due sul lago di Como. Di queste ultime, una è in alto, sulle rocce, ed è chiamata Tragedia, mentre l’altra, sulla riva, è chiamata Commedia. Fu generoso nei confronti di amici e letterati e fondò a sue spese una biblioteca a Como. Ebbe, inoltre, un forte senso umanitario: sensibile nei confronti dei deboli, fu particolarmente cordiale e benevolo nei confronti degli amici. Morì verso il 114.

Plinio il Giovane, le opere

La fama di Plinio è legata soprattutto al suo epistolario, tuttavia egli fu anche poeta e oratore. Della sua produzione poetica non ci resta nulla: compose versi d’amore, poesie di vario metro e una tragedia greca. Pubblicò una raccolta di Hendecasyllabi. Le sue orazioni invece erano sottoposte ad un accurato labor limae perseguendo un ideale di amplitudo. L’unico discorso che ci è pervenuto appartiene al genere epidittico: il Panegirico a Traiano, un gratiarum actio letto nel 100 dopo la nomina a console. Il discorso costituisce l’unico documento dell’oratoria latina dell’epoca.

Plinio il Giovane

[T2]La vita[/T] Gaio Plinio Cecilio Secondo, detto il Giovane nato a Como 61/62 , era figlio di una sorella di Plinio il Vecchio; rimasto presto orfano di padre, fu adottato dallo zio materno del quale assunse il nome. Di ricchissima famiglia del ceto equestre, studiò retorica a Roma con Quintiliano e con Nicete Sacerdote. A […]

Lettera di raccomandazione

Quod ipse amicis tuis obtulissem, si mihi eadem materia suppeteret, id nunc iure videor a te meis petiturus: Arrianus Maturus Altinatium est princeps; cum dico « princeps », non de facultatibus loquor, quae large supersunt, sed de castitate, iustitia, gravitate, prudentia. Huius ego consilio in negotiis, iudicio in studiis utor; nam plurimum fide, plurimum ventate, […]

Rimembranze

Proxime cum apud centumviros in quadruplici iudidio dixissem, subiit recordatio egisse me iuvenem aeque in quadruplici; processit animus, ut solet, longius; coepi reputare quos in hoc iudicio, quos in illo socios laboris habuissem. Solus eram, qui in utroque dixissem; tantas conversiones aut fragilitas mortalitatis aut fortunae mobilitas facit. Ouidam ex iis qui tunc egerant decesserunt, […]

Amor di gloria

Alius alium, ego beatissimum exlstimo qui bonae rnansuraeque famae prabsumptione perfruitur certusque posteritatis cum futura gloria vivit. Ac mihi, i-usi praemium aeternitatis ante oculos, pingue illud altumque otium placeat. Etenim omnes homines arbi-. tror Oportere aut immortalitatem suam aut mortalitatem cogitare et illos quidem contendere, eniti, hos quiescere, remitti nec brevem vitam caducis laboribus fatigare, […]

Dubbi sulla colpevolezza dei cristiani

Sollemne est mihi, domine, omnia de quibus dubito ad te referre. Quis enim potest melius vel cunctationem meam regere vel ignorantiam instruere? Cognitionibus de Christianis interfui numquam: ideo nescio quid et quatenus aut puniri soleat aut quaeri. Nec mediocriter haesitavi , sitne aliquod discrimen aetatum, an quamlibet teneri nihil a robustioribus differant; detur paenitentiae venia, […]

Epistula III, 16 (prima parte)

Adnotasse videor facta dictaque virorum feminarumque alia clariora esse alia maiora. Confirmata est opinio mea hesterno Fanniae sermone. Neptis haec Arriae illius, quae marito et solacium mortis et exemplum fuit. Multa referebat aviae suae non minora hoc sed obscuriora; quae tibi existimo tam mirabilia legenti fore, quam mihi audienti fuerunt. (3) Aegrotabat Caecina Paetus maritus […]

La villa-fattoria

Cum cognoveris gratiam villae meae amoenitatem loci litoris spatium valde laetus eris.Ibi multi greges ovium multa equorum boumque armenta sunt quae hieme de montibus descendunt atque hic caeli tepore gaudent. Villa multis usibus capax est: atrium nec exiguum nec sordidum triclinium amplum cubicula spatiosa; porticus est egregium contra tempestates receptaculum. Mare non pretiosis piscibus abundant […]

Un filosofo coraggioso

Erat Athenis spatiosa et capax domus sed infamis et pestilens. Per silentium noctis sonus ferri et strepitus vinculorum longius primo, deinde e proximo audiridicebatur : mox apparebat idolon, senex macie et squalore confectus. Quare deserta et damnata solitudine domus erat, quamvis dominus quam minimo pretio vendere vel locare vellet(1). Venit Athenas philosophus quidam, auditoque pretio, […]

Una Villa Lussuosa

Villa est usibus capax et tutela sumptuosa non est. In prima parte est atrium parvum nec tamen sordidum; deinde porticus, amplae aream parvam includentes, egregium receptaculum adversus tempestates sunt. Est contra porticus cavaedium, mox triclinium pulchrum, quod (il quale) undique habet valvas aut fenestras. Triclinii a laeva cubiculum est amplum, deinde aliud parvum. Ex alio […]