Dalla Scuola di Teatro di Gigi proietti sono venuti fuori grandissimi attori: come si chiama (o sarebbe meglio dire chiamava) e come l’artista è arrivato a dirigerla? Possiamo affermare che il laboratorio istituito da Proietti è nato nell’ambito della sua esperienza come direttore artistico del teatro Brancaccio di Roma. Anche se non una vera e propria scuola, si è trattato sicuramente un centro di alta formazione per molti attori, più o meno famosi.

Leggi anche: Frasi Gigi Proietti: 10 da non dimenticare

Come si chiama la Scuola di Teatro di Gigi Proietti

Nel 1978 Gigi Proietti assume la direzione artistica del Teatro Brancaccio di Roma, posizione che ricoprirà fino a 1997. Nell’ambito di tale esperienza crea il Laboratorio di Esercitazioni Sceniche. La  Scuola di Teatro di Gigi Proietti, nata come associazione culturale, è stata conosciuta, nei fatti, con il nome di Laboratorio di esercitazioni sceniche al Brancaccio. Il laboratorio ha avuto sede all’interno del Brancaccino, una sala prove del teatro, ed è stato chiuso diversi anni fa. Qui, i provini veniva effettuati con cadenza bimestrale.

La scuola è stata presieduta da Flavia Tolnai e da un gruppo di docenti tra i quali, oltre Proietti, anche Annabella Cerliani, Ugo Gregoretti e Sandro Merli e si è confermata tra le migliori scuole di recitazione italiane. Il Laboratorio ha sfornato attori di successo del calibro di Massimo Wertmüller, Rodolfo Laganà, Pino Quartullo, Francesca Reggiani, Giorgio Tirabassi, ed alcuni tra i volti televisivi e del settore “comico” più amati quali Gabriele Cirilli, Enrico Brignano, Flavio Insinna.

Quella della direzione artistica del Teatro è stata una fase intensa della carriera di Gigi Proietti, che ha dato prova della sua bravura non solo come attore e regista, ma anche come insegnante. Attività che gli è valso il conferimento del titolo di “Professore emerito honoris causa” all’università di Tor Vergata, a Roma.

Leggi: